rotate-mobile
Cultura Formigine / Via Adriano Fiori, 23

Seimila piccoli chef all'edizione record di “Cuochi per un giorno”

Tra mini fusilli, calzone di polenta, cucù omelette e torta stegosauro al Club La Meridiana di Modena stanno per concludersi due giornate golose: tutte le ricette sono state rigorosamente preparate da chef in erba. Un bilancio molto positivo quello della sesta edizione di “Cuochi per un giorno”, il Festival di cucina per bambini che termina stasera. Tra sabato e domenica scorsi si sono susseguiti decine di appuntamenti e laboratori in cui i piccoli cuochi hanno potuto annusare, toccare, pesare, dosare, impastare, miscelare, modellare, cuocere. 

“Siamo soddisfattissimi di questa edizione, la più partecipata di sempre: abbiamo avuto oltre 6.000 iscritti ai laboratori proposti, anche da fuori provincia. Ogni bambino, poi, era accompagnato da almeno due adulti, in alcuni casi anche dai nonni, per un totale di circa 16.000 presenze – precisa Laura Scapinelli de La Bottega di Merlino, organizzatrice del festival, che prosegue – con “Cuochi per un giorno” vogliamo dare ai bambini un’occasione per vivere un’esperienza ludica ma nello stesso tempo formativa, tramandando ricette locali e non solo, mettendo a disposizione dei piccoli chef spazi, occasioni e opportunità per sviluppare la creatività. Ci tengo a sottolineare che la filosofia della manifestazione è lontanissima dallo spirito competitivo di Masterchef junior o altre trasmissioni simili: qui i piccoli cuochi imparano e si divertono, non c'è nessuna ansia di vincere! Tra casseruole, frullini e fantasia i bambini possono provare l'alchimia della trasformazione della materia e acquisiscono ricordi sensoriali indelebili. E' anche in questo modo che si impara a mangiare e ad avere un rapporto sano con il cibo”.

Inoltre, attraverso la loro partecipazione, i bambini hanno aiutato altri bambini: parte del ricavato della manifestazione verrà infatti devoluto a Dynamo Camp, l'unica struttura italiana di Terapia Ricreativa pensata per ospitare bambini affetti da patologie gravi o croniche nel periodo di post ospedalizzazione e/o in fase di remissione dalla cura; qui minori che convivono con la malattia possono praticare attività ludiche e sportive: è un'esperienza di svago, divertimento, relazione e socialità in un ambiente naturale e protetto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Seimila piccoli chef all'edizione record di “Cuochi per un giorno”

ModenaToday è in caricamento