Vivere Appennino | I 4 motivi per cui non si può non visitare l'Appennino modenese

Ce ne saranno mille di motivi, ma ne bastano quattro per cui il Parco Regionale dell'Alto Appennino è meraviglioso e bisogna visitarlo

Il Parco Regionale dell'Alto Appennino è il più grande del territorio modenese e sicuramente il più ricco per proposte di attività e varietà naturali. Data proprio la vastità di cose che si possono vedere in questo parco, abbiamo deciso di raccontarvele a seconda delle tipologie. 

MONTI E LAGHI. Che il monte Cimone sia il fiore all'occhiello di questo parco è facile da comprendere, tuttavia, potete trovare sempre qui montagne il cui panorama è senza mezzi termini sensazionale. E' il caso del monte Giovo, Libro Aperto, monte Nuda, monte Spigolino, il monte Rondinaio e il monte Cupolino. Parlando invece di laghi troviamo il lago Santo e Baccio che sono i più frequentati, mentre a più alta quota vi sono il lago Turchino e il lago Torbido.

LA FLORA. Per gli amanti della natura c'è solo l'imbarazzo della scelta. Fino a 1000 m di altitudine, ovvero la foresta vera e proprio, trovate querceti e castagneti, mentre al di sopra sono presenti in abbondanza i larici, il pino nero, l'abete rosso e l'abete bianco. Oltre i 1800 metri mentri troviamo praterie di nardeto e distese di mirtillo . 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA FAUNA. Ricca a dir poco, infatti molti sono i daini, i caprioli e i cinghiali presenti, mentre più rari i cervi. Ad abbondare sono anche volpi, marmotte, faine, tassi, ghiri e scoiattoli. Mentre, a più alta quota troviamo un piccolo roditore sopravvissuto all'ultima glaciazione, overo l'arvicola delle nevi, molto particolare come animale. Un dato positivo riguarda il ritorno dei lupi in questa zona dopo anni in cui non sono stati avvistati. Oltre ai vari uccelli da bosco come  il regolo, il fiorrancino, il ciuffolotto e il crociere, nei boschi cedui la cinciarella, la cincia bigia e il luì, tra Rondinaio e monte Giovo sono avvistate spesso anche acquile reali, mentre nelle zone aride il codirossone è il più diffuso.
 
IL GIARDINO BOTANICO
. E' presente un'interessante giardino botanico nel comune di Sestola a poca distanza dal lago della Ninfa. Si tratta di "Esperia", che accoglie in 32 aiuole numrerose specie di piante alpine provenienti dalle Alpi e dall’Orto Botanico di Modena. Inoltre, sono presenti anche le piante officinali, prezioso patrimonio conoscitivo per gli appassionati cultori della medicina naturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Modena usano... il freddo!

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Temporali. Ancora grandine e vento forte, crollati diversi alberi

  • Covid, 6 casi nel modenese. Un nuovo ingresso in terapia subintensiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento