Vivere Modenese | I più bei proverbi modenesi sulla Pasqua

Un viaggio tra i modi di dire e i proverbi dialettali sulla Pasqua a Modena

La pasqua è da sempre una festa molto sentita a Modena, con le sue ricette tradizionali, ma anche con i suoi modi di dire. Ecco proverbi dialettali sulla Pasqua modenese:

Se a Nadel a gh'è al sòl, a Pasqua agh vól al fógh.

Se a Natale c'è il sole, a Pasqua ci vuole il fuoco.

Nadel  a cà di tó e Pasqua cun chi  t'vó. 

Natale e  a casa dei tuoi e Pasqua con chi vuoi.

Mez pan a Nadel e mez vein a Pasqua.

Mezzo pane a Natale e mezzo vino a Pasqua.

Chi-n zóga per Nadel, chi-n bala per Carnevèl, chi-ns'imbèrièga per San Martèin al srà sèimper un pelegrèin

Chi non gioca per Natale, chi non balla per Carnevale,  chi non si ubriaca per San Martino sarà sempre un poveraccio.

“Da Carnevèl a Pasqua, tòtta l’érba l’è insalèda”

Da Carnevale a Pasqua, tutta l’erba è insalata

“Quand al pèder al fa Carnevèl, al fiol al fa Quarésma”

Quando il padre fa Carnevale, il figlio fa Quaresima

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Coronavirus, si conferma il calo in regione. Ma anche oggi 50 decessi

  • Rallentano contagio e ricoveri in provincia di Modena. 11 decessi

  • Covid. Contagi stabili in regione, ma record di decessi. Modena scende

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

Torna su
ModenaToday è in caricamento