rotate-mobile
Cultura

Volontariato nelle terre confiscate alle mafie. Libera parte dalle Terre d'Argine

Il Presidio di Libera "Peppe Tizian" di Carpi ha promosso il progetto "Lo Stato siamo noi: volontariato e impegno civile nei beni confiscati alle mafie" per i giovani delle Terre d'Argine che si terra a Cerignola in Calabria dal 17 al 24 Luglio

Il Presidio di Libera "Peppe Tizian" di Carpi ha promosso il progetto "Lo Stato siamo noi: volontariato e impegno civile nei beni confiscati alle mafie" per i giovani delle Terre d'Argine che si terra a Cerignola in Calabria dal 17 al 24 Luglio. A partecipare saranno 15 giovani del territorio che si dirigeranno in quei giorni in provincai di Foggia, per un progetto molto importante nell'educazione anti-mafia.

GIOVANI DAI 18 AI 30 ANNI. Il progetto è promosso anche dal Comune di Carpi, dalla Fondazione Casa del Volontariato e dal Centro Servizi per il Volontariato e con il contributo della Regione Emilia Romagna. Il campo estivo è aperto a maggiorenni e minorenni se accompagnati, e si rivolge in particolar modo a giovani tra i 18 e i 30 anni.

IL PROGETTO. I partecipanti svolgeranno la propria esperienza presso due beni confiscati alle mafie, gestiti rispettivamente dalle cooperative sociali ‘Pietra di scarto’ e ‘Altereco’, tra i fondatori del Presidio di Libera di Cerignola. ‘Terra Aut’ e il Laboratorio di Legalità ‘Francesco Marcone’ sono divenuti, dal 2010 a oggi, luoghi simbolo della lotta a criminalità organizzata e malaffare, creando occupazione, promuovendo integrazione sociale e aprendosi sin da subito al territorio. 

LE ATTIVITA' PRESSO IL CENTRO. Oltre alle attività mattutine di lavoro agricolo e riqualificazione dei beni attraverso progetti dedicati, l’esperienza del campo prevede l’approfondimento di alcune tematiche specifiche del territorio: un focus sulle mafie locali, sulle piaghe del caporalato in agricoltura e dei ghetti che caratterizzano la provincia di Foggia, senza ovviamente tralasciare momenti di incontro con familiari di vittime di mafia e con la comunità, attraverso la visita alle bellezze locali, la scoperta delle tradizioni gastronomiche e, soprattutto, il contatto con quelle realtà virtuose che, innervando il territorio, non si arrendono al suo depauperamento civile ed economico. 

LO SCOPO DEL PROGETTO. La partecipazione al campo ha lo scopo di diffondere una cultura fondata sulla giustizia sociale in contrapposizione alla mentalità mafiosa, che fa di violenza, ricatto e privilegio le sue basi portanti, di portare i giovani in contatto con chi opera concretamente per costruire una giustizia quotidiana, da contrapporsi alla mafiosità culturale e materiale presente nei nostri territori. Una volta tornati sul territorio delle Terre d’Argine, quanti avranno partecipato al campo di volontariato potranno riportare quanto visto, le esperienze fatte, gli insegnamenti appresi, e farsi, a loro volta, promotori, anche ma non solo tra i giovani, di quella concreta pratica di legalità della quale ogni comunità ha più che mai bisogno.

MAGGIORI INFORMAZIONI. Per informazioni, e per scaricare la domanda di partecipazione: presidio.carpi@libera.it, 328.5385784, 348.6534667 e sulla pagina Facebook ‘Presidio Libera Peppe Tizian’.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volontariato nelle terre confiscate alle mafie. Libera parte dalle Terre d'Argine

ModenaToday è in caricamento