Don Camillo e Peppone. 50 anni dalla scomparsa di Guareschi a Sassuolo

Le Canalette asd organizza, in collaborazione con Oratorio Don Bosco, una conferenza sulla saga emiliana di don Camillo e Peppone, a 50 anni dalla scomparsa di Giovannino Guareschi. Andrea Violi esperto e critico cinematografico ci guida "tra parole e immagini" alla scoperta del mondo sul fiume Po attraverso i personaggi di Don Camillo e l'onorevole Peppone nati dalla penna di Giovanni Guareschi (1908/1968), scrittore, saggista, vignettista satirico parmense.

I famosi personaggi sono interpretati dagli attori Fernandel (don Camillo) e Gino Cervi (Peppone). Le scene sono tratte dai miglior film rimasti ormai nella memoria di tutti in tutto il mondo: Don Camillo; Il ritorno di Don Camillo; Don Camillo e l'onorevole Peppone; Don Camillo monsignore....ma non troppo; Il compagno Don Camillo. Tutti i film citati sono ambientati a Brescello (meta di un recente viaggio de Le Canalette) con la famosa piazza che fa da sfondo e contrappone idealmente i due simpatici protagonisti con la chiesa e il municipio uno di fronte all'altro.
Ingresso libero

La conferenza si terrà Giovedì 15 novembre 2018 alle 15.00 presso la sala Rossi-Oratorio don Bosco ingresso via Menotti 92 1º piano.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Basta uno sguardo: dodici fotografie ritraggono l'anima del Mercato Albinelli

    • Gratis
    • dal 12 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Mercato Albinelli
  • La magia del Natale si accende con il presepe dell'Ex Cinema Principe

    • Gratis
    • dal 8 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Ex Cinema Principe
  • Giorno della Memoria, quattro appuntamenti con la Fondazione Fossoli

    • Gratis
    • dal 26 al 27 gennaio 2021
    • Online
  • Convegno Nazionale sulla Cannabis terapeutica, a Modena la seconda edizione

    • dal 6 al 7 febbraio 2021
    • Online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento