Scontri di civiltà nella tendopoli degli sfollati. Saverio La Ruina torna al Drama con Mario e Saleh

Scritto, diretto e interpretato da Saverio La Ruina arriva al teatro Drama (domenica 23 febbraio alle 18) nel calendario di La corsa di fuochi Mario e Saleh, spettacolo sulle differenze di cultura e di fede che, nell'esperienza del trauma sismico, si riconoscono e si avvicinano. Un argomento che richiede un approccio delicato dato che, specie nella nostra epoca, scalda gli animi con virulenza.
In una delle tende allestite subito dopo un terremoto, si ritrovano Mario, un occidentale cristiano, e Saleh, tunisino di fede musulmana. La relazione ravvicinata tra i due si evolve tra differenze e agnizioni. Eventi esterni e problemi concreti ribaltano le percezioni che hanno l’uno dell’altro. Le certezze che sembrano farsi strada si ridefiniscono continuamente alla luce di quanto accade tra di loro, sorprendendo per primi loro stessi.

Il cristiano è un uomo attempato e il musulmano un giovane, il clima è di ostentata insofferenza del primo (autoctono di quella zona devastata), verso il tunisino che prega compiendo esercizi ginnici, digiuna per il mese di ramadan, non mangia carne di maiale. La ricerca in sottrazione di La Ruina per un’espressione minimale approda a una geniale semplificazione. Con una sorprendente ingenuità, uno dopo l’altro i precetti più consumati dell’Islam compongono la pièce, rendendola un opuscolo a uso dell'uomo della strada che arriva a scoprire l’umanità dell’altro diverso da sé. Ma i conflitti culturali necessitano di complessità per essere sanati e il finale non è sempre scontato.

Più che addentrarsi in dispute religiose, lo spettacolo si concentra su fatti del quotidiano attraverso i quali misurare possibili conciliazioni e opposizioni. Oltre alle inevitabili differenze, che possono trovare pacificazione, irrompono avvenimenti dall’esterno che vanno a spezzare gli equilibri tra i due, ridefinendo via via le loro acquisizioni, in uno spiazzamento continuo delle loro certezze.

“Incontrare musulmani, migranti e non, è stato come trovarsi di fronte a mondi dentro un mondo più grande - dice La Ruina - dove tanti islam si inseguono, si differenziano e anche si oppongono fra di loro. Ho sentito il bisogno di approfondire la materia, non solo attraverso libri, saggi e cronaca, ma dalla voce di chi vive sulla pelle questa condizione. I due personaggi in scena sono interpretati da me e un migrante musulmano - aggiunge il regista - scelta che mi impone l'inadeguatezza che provo nell’immaginare uno che si finge altro in un lavoro che vorrebbe arrivare allo spettatore con meno filtri possibili”.

In scena Saverio La Ruina e Chadli Aloui, la collaborazione alla regia è di Cecilia Foti. Le musiche originali di Gianfranco De Franco. Produzione Scena Verticale.

Saverio La Ruina già ospite del Drama nel 2018 con Masculu e Fiàmmina, si è formato alla Scuola Galante Garrone e ha lavorato, tra gli altri, con Leo De Berardinis e Remondi & Caporossi. È stato tra i giovani registi selezionati agli atelier di regia curati da Eimuntas Nekrosius per La Biennale di Venezia nelle edizioni 1999 e 2000. Nel 1992 ha fondato la compagnia teatrale Scena Verticale, con la quale è presente nei maggiori festival e teatri italiani e all’estero. Più di recente premiato in diverse edizioni del prestigioso Ubu.
La corsa di fuochi fa parte del progetto Andante finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con il contributo di Comune di Modena, Regione Emilia-Romagna e BPER.

Per prenotazioni 059 8722717 / 328 1827323; info@dramateatro.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "La mia infinita fine del mondo", debutta al Teatro Storchi lo spettacolo di Lino Guanciale

    • dal 20 ottobre al 1 novembre 2020
    • Teatro Storchi

I più visti

  • Spilamberto, Vignola e Castelvetro: alla scoperta dei borghi delle Terre di Castelli con Free Walking Tour

    • dal 19 settembre al 14 novembre 2020
    • Terre dei Castelli
  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • "PAM!", gli artisti modenesi contemporanei si riuniscono in una mostra a tre sedi

    • Gratis
    • dal 5 settembre al 7 novembre 2020
    • vedi articolo
  • "Hare to ke ハレとケ": a Maranello un nuovo ciclo di incontri sull Giappone, tra sacro e quotidiano

    • Gratis
    • dal 5 settembre al 14 novembre 2020
    • Biblioteca Mabic
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ModenaToday è in caricamento