rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Eventi

"Modena 29 settembre": Piazza Grande impazzisce per i Nomadi

Grande partecipazione ed entusiasmo ieri hanno accompagnato la manifestazione "Modena 29 settembre" per tutto il pomeriggio e la serata in centro storico. Ciliegina sulla torta l'esibizione dei Nomadi

Cresce ogni anno di più l'attenzione dei modenesi per la manifestazione 'Modena 29 settembre'. Già nel pomeriggio tante persone si sono riunite nelle varie piazze che ospitavano i concerti di giovani band provenienti da tutta la Regione: Largo San Giorgio, Largo Sant'Eufemia e Largo Porta Bologna. E' stato poi inaugurato il nuovo bar Grande Italia, ristrutturato in modo da riportarlo ad essere il più simile possibile a come era quando fu la culla del Beat. Dalle 20 è iniziato poi il concerto in Piazza Grande; ad esibirsi sul palco sono stati artisti emergenti come Selene Lungarella, i Pip Carter Lighter Maker e Lorenzo Visci. La piazza ha cominciato poi a riempirsi sempre più mentre il noto Beppe Cavani offriva ai suoi concittadini la sua musica; all'arrivo di Caterina Caselli ormai non esisteva più un centimetro libero in tutta Piazza Grande. La grande cantante e produttrice discografica sassolese è salita sul palco con Leo Turrini, conduttore della serata, e il Sindaco Giorgio Pighi, per raccontare brevemente la sua carriera e parlare di quei favolosi anni '60 a Modena. E' poi toccato ai The Bluesmen, gruppo ferrarese che accompagna nella sua tournée italiana Dirk Hamilton e infine agli ospiti più attesi della serata, che hanno fatto letteralmente impazzire il pubblico: i Nomadi. Qualcuno era arrivato fin dalle prime ore del pomeriggio da altre città, addirittura altre regioni, per sentirli, altri si sono fatti prendere 'in corso d'opera' dalla carica del gruppo guidato da Beppe Carletti che ha terminato il concerto con 'Io vagabondo', cantata all'unisono da tutta la platea.

Seduti in quel caffè...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Modena 29 settembre": Piazza Grande impazzisce per i Nomadi

ModenaToday è in caricamento