"Nativos" di Ayelen Parolin al Teatro delle Passioni

Il 29 e il 30 novembre arriva al Teatro delle Passioni Nativos, lo spettacolo della coreografa Ayelen Parolin commissionato dal Théâtre de Liège e dalla Korean National Contemporary Dance Company.

Con alla spalle una formazione presso la Scuola Nazionale di San Martin Theater a Buenos Aires e successivamente presso e.x.e.r.c.e. a Montpellier, Ayelen Parolin ha creato lo spettacolo Nativos a partire dal confronto tra il pensiero di Walter Benjamin sull'uomo moderno - considerato dal filosofo tedesco codificato e privo di spontaneità - e i suoi studi sullo sciamanesimo e il legame primitivo tra uomo e natura. Ispirandosi e riprendendo parte del materiale coreografico del suo precedente lavoro, Heretics, Ayelen Parolin sviluppa qui una partitura coreografica inizialmente matematica e geometrica che incontra il rigore e i tecnicismi dei ballerini della Korean National Dance Company. Attraverso un gioco di ambiguità sui luoghi comuni legati all'identità coreana, Nativos approda infine a una spontaneità fisica che, come nei rituali della tradizione sciamanica, diventa moto selvaggio, frenetico e animalesco. Il sussulto dei gesti e dei movimenti è scandito dalla composizione per pianoforte di Lea Petra e dalle percussioni del cantante coreano Seong Young Yeo.

Ayelen Parolin (1976) è nata a Buenos Aires, Argentina, ma vive e lavora a Bruxelles, Belgio. Negli ultimi anni, Ayelen Parolin ha iniziato a esplorare metodicamente la natura umana. Nel suo lavoro Heretics, Ayelen Parolin collabora per la prima volta con la compositrice Lea Petra. Heretics è una triade ossessiva che porta in scena resistenza, ripetizione e variazioni sul triangolo. Nel 2015 si è focalizzata sulle donne, prima con il duetto Exotic World e poi con il solo The Esclava, scritto e interpretato assieme a Lisi Estaràs.

A luglio 2016, Ayelen Parolin ha presentato presso il Seoul Arts Center il suo ultimo lavoro Nativos con quattro interpreti coreani.

Ayelen Parolin è una fra i quattro vincitori nel 2016 del Pina Bausch Fellowship. Ayelen Parolin è in residenza creativa per il 2016-17 al Théâtre de Liège, è artista residente al Théâtre Les Tanneurs ed è sostenuta da le Grand Studio

NATIVOS
ideazione e coreografie AYELEN PAROLIN
in collaborazione con Marc Iglesias e i danzatori
reazione e interpretazione musicale Lea Petra (piano)
in collaborazione con Seong Young Yeo (percussioni, voce)
interpreti Jae Young Park, Jong Kyung Lim, Yong Sean Liu, Yong Seung Choi una proposta di Théâtre de Liège produzione Théâtre de Liège, Korea National Contemporary Dance Company (KNCDC) coproduzione Théâtre Les Tanneurs, Centre culturel Coréen de Bruxelles, Théâtre National de Bretagne / RennesAccueil Studio Asian Dance Company, RUDA asbl con il sostegno di Fédération Wallonie-Bruxelles, WBTD, WBI, SACD
 

Orari: ore 21.00

Ingresso € 12 / 8,5

BIGLIETTERIA TELEFONICA
059 2136021 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13

BIGLIETTERIA TEATRO STORCHI
Largo Garibaldi, 15 - tel. 0592136021
Orari: martedì dalle ore 10 alle 14 e dalle 16.30 alle 19.00; dal mercoledì al venerdì dalle ore 10.00 alle 14.00; sabato dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.30 alle 19.00

VENDITA ONLINE
www.emiliaromagnateatro.com>
www.vivaticket.it>

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Basta uno sguardo: dodici fotografie ritraggono l'anima del Mercato Albinelli

    • Gratis
    • dal 12 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Mercato Albinelli
  • San Geminiano, il programma delle celebrazioni 2021

    • Gratis
    • dal 27 al 31 gennaio 2021
    • Duomo di Modena
  • Giorno della Memoria, quattro appuntamenti con la Fondazione Fossoli

    • Gratis
    • dal 26 al 27 gennaio 2021
    • Online
  • La magia del Natale si accende con il presepe dell'Ex Cinema Principe

    • Gratis
    • dal 8 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Ex Cinema Principe
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento