Next, New Esemble Xenia Turin al Teatro San Carlo

Domenica 31 marzo alle 17:00 al Teatro San Carlo di Modena si terrà un nuovo appuntamento della rassegna Concerti d’Oggi, il progetto curato dagli Amici della Musica di Modena che abbraccia musiche di ogni epoca e stile con uno sguardo e un approccio “contemporanei”. Si esibirà il quartetto NEXT – New Ensemble Xenia Turin (composto da Adrian Pinzaru e Eilis Cranitch al violino, Mizuho Ueyama alla viola e Claudio Pasceri al violoncello), formazione che rappresenta l’approdo del percorso più che ventennale di uno dei gruppi più prestigiosi dediti al repertorio contemporaneo in Italia, lo Xenia Ensemble. NEXT nasce nel 2017 e intende tanto rappresentare l’esperienza dell’ensemble dal quale proviene quanto guardare al futuro, con lo sguardo dei nuovi membri del quartetto. L'ensemble ha collaborato con i più illustri compositori dei nostri giorni e con molti importanti esecutori, tra cui Arvo Pärt, Sofia Gubaidulina, Hilliard Ensemble, Giya Kancheli e James Macmillan.

Il quartetto ha partecipato ad alcuni dei festival più prestigiosi a livello internazionale ed ha suonato presso importanti istituzioni, tra cui Ravenna Festival, Cité de la Musique di Parigi, Holland Festival di Amsterdam, Festival Mito Settembre Musica, Fondazione Gulbenkian di Lisbona. I quattro musicisti hanno compiuto nel 2015 una tournée in Irlanda presso alcune tra le più prestigiose università del paese, con concerti e conferenze dedicate alla musica italiana del XX secolo. Da più di quindici anni il Festival EstOvest è il contenitore all’interno del quale l’ensemble riversa le proprie idee e molti dei propri propositi musicali e creativi, è il momento in cui artisti di differenti discipline si incontrano e propongono un elevato numero di prime esecuzioni e novità assolute. Hanno preso parte al Festival EstOvest, tra gli altri, Cristina Zavalloni, Gianluca Cascioli, Julius Berger, Matt Cranitch e Jackie Daly, Alda Caiello, Omar Zoboli, Davide Livermore, Eugenio Allegri. Ogni anno inoltre, in concomitanza col Festival, l’ensemble indice una Call for Scores internazionale, per sostenere e promuovere la produzione artistica delle nuove generazioni di compositori. 

Il programma del concerto modenese si concentra sulla produzione per quartetto d'archi tra gli anni '40 e gli anni '80 del '900, presentando tre importanti lavori di compositori provenienti dall’ex Unione Sovietica: il giovanile Quartetto n.1 di Šostakovič, il Quartetto n.5 del polacco Mieczyslaw Weinberg e il gustoso Rag-Gidon-Time del georgiano Giya Kancheli, simpatico cadeau dedicato al grande violinista Gidon Kremer.

Come tutti i concerti della rassegna, l’ingresso è libero.

Il concerto è realizzato con il contributo finanziario del Comune di Modena, della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, della Regione Emilia Romagna e di BPER Banca.
L’Associazione Amici della Musica di Modena opera senza fini di lucro. Sostegno economico proviene dai contributi di Enti Pubblici e Privati e dalle quote di adesione dei Soci. Tutte le informazioni su contenuti artistici, aspetti organizzativi, modalità di sostegno e di adesione alle attività degli Amici della Musica di Modena sono disponibili all’ingresso della sala.

Per informazioni: tel 3296336877. www.amicidellamusicamodena.it, info@amicidellamusicamodena.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Cittadini digitali. Incontri online su Spid, Fascicolo sanitario elettronico e PagoPA

    • Gratis
    • dal 24 marzo al 28 aprile 2021
    • Online
  • Con la zona arancione tornano tutti i banchi del mercato del lunedì

    • solo domani
    • Gratis
    • 12 aprile 2021
    • Parco Novi Sad
  • Anna Campori Seghizzi, alla Galleria Estense una mostra dossier della nobildonna modenese

    • dal 15 febbraio al 2 maggio 2021
    • Galleria Estense
  • "Profumo di gatto, profumo di libertà", mostra open air e sul web

    • dal 21 marzo al 21 aprile 2021
    • Piccolo Museo Profumalchemico
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento