"Volevo Nascondermi", il film su Antonio Ligabue in anteprima al drive in di Maranello

Dopo il successo del docufilm Terra Bruciata (2018) di Luca Gianfrancesco, che ha fatto incetta di premi in tutto il mondo e del film Cetto c’è, senzadubbiamente (2019) scritto e interpretato da Antonio Albanese, l’attrice Paola Lavini torna sul grande schermo in Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti, un film biografico sul pittore Antonio Ligabue, prodotto da Palomar con RaiCinema, che ha già vinto quest’anno numerosi premi alla Berlinale, ai Nastri d’Argento e ai Globi d’Oro.

Il film, distribuito nelle sale italiane dal 19 agosto 2020, è proiettato in anteprima il 16 agosto 2020 presso il drive-in Arena Gremiole di Maranello alla presenza di Paola Lavini. L’attrice emiliana ripercorrerà la sua carriera artistica e presenterà al pubblico il film che le è valso una candidatura al Globo d’Oro 2020 come Miglior Attrice per il ruolo della Pina, una donna bella e dalla forte femminilità che concede un po’ del suo affetto al selvatico e solitario Antonio Ligabue, interpretato da un magistrale Elio Germano.

Lavorare in questo film ha rappresentato per me un grande arricchimento, a partire dalla recitazione nel dialetto di Gualtieri, la cittadina emiliana dove si svolge la storia - afferma l’attrice Paola Lavini - Pina è esattamente quello che ci si aspetta da una donna di quella terra: ruspante, libera e furba. Quando Antonio Ligabue la incontra lui è già un artista di successo ma, anche a causa delle difficoltà che la vita gli ha presentato, si rapporta con disagio con le persone e soprattutto con le donne. La Pina saprà concedergli l'affetto che lui chiede, anche se  in modo 'diverso'. Elio Germano è un attore che stimo da sempre, confrontarsi col suo talento è stata una bella prova e la sua capacità di essere ‘vero’, sia sul piano umano che attoriale, è qualcosa di davvero apprezzabile.” Paola Lavini è inoltre attesa al cinema nell’opera seconda di Dario Albertini dal titolo Anima bella e nel film L’isola del Perdono del regista tunisino Ridha Behi, dove recita accanto a Claudia Cardinale. 

L’evento nasce per iniziativa del Comune di Maranello in collaborazione con Ater Fondazione. Per accedere allo spettacolo è consigliabile la prenotazione online attraverso il sito Shop Maranello (shop.maranello.it), dove si potrà scegliere facilmente la propria piazzola per poi pagare il biglietto direttamente alla cassa, presentandosi almeno 30 minuti prima dell’evento.

Per informazioni si può telefonare al 348-1544905 nelle giornate di martedì, mercoledì, giovedì e domenica, sempre dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20. Resta la possibilità di comprare il biglietto in cassa senza prenotazione, ma si rischia di non entrare in caso di sold-out.

Si può accedere all’Arena Gremiole in auto, in moto, in bicicletta e a piedi. Ogni piazzola è dotata di tavolo e sedie, con possibilità di consumare cibi e bevande serviti dai punti ristoro. La capienza massima è di 200 persone e sono ammessi gli animali domestici, con obbligo di guinzaglio e, se necessario, di museruola per i cani.

L’ingresso costa 5 euro a persona, ma un adulto potrà accompagnare fino a quattro minori di 14 anni pagando la piazzola 10 euro e gli under 14 entreranno gratis nel caso siano accompagnati da due o più adulti.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • Mostre. Storie di maghette, calciatori e robottoni al Museo della Figurina

    • dal 12 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo della Figurina
  • Arnaldo Pomodoro, le opere di uno dei più grandi scultori contemporanei in esposizione a Soliera

    • Gratis
    • dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Castello Campori
  • Mercato natalizio al Novi Sad, appuntamento per tutte le domeniche di dicembre

    • Gratis
    • dal 6 al 27 dicembre 2020
    • Parco Novi Sad
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento