Appuntamento con la prima italiana di Gravitè, la compagnia Ballet Preljocaj in scena al Teatro Pavarotti

Si terrà martedì 18 febbraio alle 20.30 al Teatro Comunale Luciano Pavarotti uno degli appuntamenti più attesi di ModenaDanza. Il Ballet Preljocaj, compagnia di danza contemporanea fra le più prestigiose d’Europa, presenterà in prima italiana lo spettacolo Gravité, firmato dal coreografo franco-albanese per una coproduzione internazionale fra Chaillot - Théâtre national de la Danse - Paris, Les Théâtres de la Ville de Luxembourg, Biennale de la danse de Lyon 2018, Grand Théâtre de Provence, Scène Nationale d’Albi, Theater Freiburg.

Instancabile indagatore della danza a partire dalle sue radici corporee, Preljocaj dedica questo spettacolo a uno degli elementi fondanti del linguaggio coreutico, il peso, affascinando ogni tipo di pubblico con l'ironia e l'eleganza che lo contraddistinguono. “Da diversi anni, le nozioni di peso, spazio, velocità e massa hanno attraversato in modo intuitivo la mia ricerca coreografica – racconta l’autore -. Il lavoro quotidiano con i danzatori mi porta a sperimentare forme i cui componenti fondamentali girano attorno a questo tema, contemporaneamente astratto e terribilmente concreto”.

Preljocaj ha firmato oltre 50 coreografie, presentate in tutto il mondo ed entrate in repertorio di compagnie come quelle del New York City Ballet, della Staatsoper di Berlino, del Teatro alla Scala di Milano e del Balletto dell’Opéra di Parigi. Ha inoltre realizzato vari cortometraggi e film sulle sue opere e ha ricevuto numerosi premi, come il Grand Prix National de la danse (1992), il Benois de la danse (1995), il Bessie Award (1997), Les Victoires de la musique (1997), il Globe de Cristal (2009), il Prix Samuel H. Scripps (2014). Ad aprile 2019 è entrato a far parte dell’Académie des Beaux-Arts nella nuova sezione dedicata alla coreografia. Diversi testi sono stati pubblicati sulle sue opere, quali Angelin Preljocaj (Actes sud, 2003), Pavillon Noir (Xavier Barral, 2006), Angelin Preljocaj, Topologie de l’invisible (Naïve, 2008), Angelin Preljocaj, de la création à la mémoire de la danse (Belles Lettres, 2011), Angelin Preljocaj (La Martinière, 2015) uscito in occasione del 30° anniversario della compagnia. Il Ballet Preljocaj si è stabilito dal 2006 al Pavillon Noir di Aix-en-Provence, un luogo interamente dedicato alla danza di cui Preljocaj è il direttore artistico.

Coreografia Angelin Preljocaj
Musiche Maurice Ravel, Johann Sebastian Bach, Iannis Xenakis, Dimitri Shostakovic, Daft Punk, Philip Glass, 79d
Costumi Igor Chapurin
Luci Éric Soyer
Produzione Ballet Preljocaj

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • ERT al Festivalfilosofia 2020 con "Macchine come noi"

    • solo oggi
    • Gratis
    • 19 settembre 2020
    • Giardini Ducali
  • Il Poesia Festival arriva a Castelnuovo Rangone

    • da domani
    • Gratis
    • dal 20 al 21 settembre 2020
    • Spazio Glicine

I più visti

  • Festa Pd a Ponte Alto, il calendario definitivo degli spettacoli

    • dal 26 agosto al 21 settembre 2020
    • Ponte Alto
  • Torna a Modena la Festa Nazionale dell’unità, tanta politica e tanti spettacoli

    • Gratis
    • dal 26 agosto al 21 settembre 2020
    • Ponte Alto
  • "Non è la sagra!", a Castelvetro due settimane di eventi diffusi per celebrare il Grasparossa

    • Gratis
    • dal 13 al 27 settembre 2020
    • Castelvetro
  • Festival Filosofia 2020, il programma completo giorno per giorno

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 18 al 20 settembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ModenaToday è in caricamento