“La ragazza di Homs” prima del nuovo libro di Susan Dabbous 

A Modena la “prima” del nuovo libro della giornalista italo-siriana Susan Dabbous (domenica 20 maggio - ore 18.30 – Caffè delle Passioni) dal titolo “La ragazza di Homs”. Con l’autrice dialoga Francesco Zarzana

Il libro

Ha scelto Modena non a caso per la “prima” del suo nuovo libro perché in città ha frequentato le scuole superiori e a Modena è legata da affetti familiari. Parliamo di Susan Dabbous, la giornalista italo-siriana che vive a Gerusalemme e da anni segue gli avvenimenti siriani per diverse testate nazionali. Il suo nuovo libro “La ragazza di Homs” (Castelvecchi Editore) racconta, sotto forma di romanzo, proprio il conflitto siriano con gli occhi di Leila, una delle prime ragazze siriane a partecipare alle manifestazioni contro il regime di Bashar Al-Assad. La sua natura ribelle la costringe a scappare dalla sua città, Homs, sotto assedio, per riparare in Libano. A Beirut conosce un fotografo palermitano, Gianni, che l’aiuta a ritrovare il suo fidanzato, Bilal, scomparso dopo un bombardamento in Siria.

Tra Gianni e Bilal nasce un’amicizia profonda che aiuterà il ragazzo siriano a non unirsi alle milizie dei ribelli e a chiedere l’asilo politico a Milano. Leila decide di raggiungerlo in Italia, affidandosi a dei trafficanti senza scrupoli, ma una volta sbarcata in Sicilia, capisce che la sofferenza vera deve ancora venire. A naufragare, infatti, non è il barcone in avaria sui cui ha rischiato di morire, bensì il suo rapporto con Bilal, innamorato di una ragazza italiana. Delusa e ferita, Leila vive con lo stesso struggimento il tradimento del suo compagno e il fallimento della rivoluzione siriana. Solo una persona sembra in grado di farle tornare la speranza, in una Palermo che ricorda Beirut.  “Nella vita di Leila – dichiara Susan Dabbous - c’era una guerra fuori, quella siriana, e una guerra dentro, quella che combatteva ogni giorno per non rassegnarsi alla depressione. Un mostro discreto, meno rumoroso dei cacciabombardieri, che stava divorando i sogni di un’intera generazione di siriani”.

Biografia

Susan Dabbous, nata ad Aleppo nel 1982, è una giornalista italo-siriana basata a Gerusalemme. Ha seguito gli eventi in Siria dal marzo 2011, per diverse testate tra cui Avvenire e SkyTG24. Nell’aprile del 2013 è stata sequestrata in Siria da un gruppo affiliato ad al Qaeda e rilasciata dopo undici giorni. Nel 2013 è stata proclamata vincitrice della XIII edizione del Premio Internazionale per la Libertà di Stampa Isf-Città di Firenze. Ha pubblicato Come vuoi morire? Rapita nella Siria in guerra.(Castelvecchi, 2014), libro in cui racconta la propria prigionia ad opera di un gruppo legato a al Qaeda.

  

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • A Modena il 4° convegno di Oncologia integrata

    • Gratis
    • 8 marzo 2020
    • Forum Monzani
  • Le materie prime e i loro retroscena, un ciclo di conferenze

    • Gratis
    • dal 22 gennaio al 28 febbraio 2020
    • Comparto Sant'Eufemia
  • Centro Alpino Italiano, al via i lunedì del CAI di Sassuolo

    • Gratis
    • dal 10 febbraio al 30 marzo 2020
    • CAI

I più visti

  • Il Carnevale vien di notte, a Formigine i carri sfilano (anche) al calar del sole

    • Gratis
    • dal 20 al 25 febbraio 2020
    • Centro Storico
  • Arte. Marina Abramović / Estasi al Teatro Anatomico di Modena

    • dal 8 marzo al 30 giugno 2020
    • Teatro Anatomico
  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "9 Gennaio 1950- 9 Gennaio 2020: la memoria della città", in mostra ad AGO

    • dal 9 gennaio al 8 marzo 2020
    • AGO Modena Fabbriche Culturali
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento