"Sotto il cielo delle terramare", un'intera giornata al parco di Montale con esperti d'eccezione

“Sotto il cielo delle terramare” è il titolo scelto per le iniziative in programma da mattina a notte domenica 20 settembre al Parco museo archeologico all’aperto della Terramara di Montale. Un’intera giornata in compagnia di esperti d’eccezione, suddivisa tra giorno e sera, e dedicata al rapporto che gli uomini che abitavano qui 3.500 anni fa avevano con sole, stelle e pianeti, fra culti ed esperienze empiriche.

Dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 18.30, infatti, nei consueti orari di apertura del Parco, Marco Bettelli del Cnr di Roma esplorerà il mondo dei culti solari e degli oggetti che lo rappresentavano nell’Europa dell’età del bronzo, dai dischi dorati trainati da carri agli ornamenti personali in metallo e corno con decorazioni.

Alle 21 il Parco riapre per l’evento serale condotto da Andrea Lugli, del Civico Planetario F. Martino di Modena, che guiderà il pubblico nell’osservazione della volta celeste con gli occhi e gli strumenti dell’età del bronzo, mettendo a confronto il cielo di oggi e quello di 3.500 anni fa. L’indagine preliminare sulle conoscenze astronomiche delle comunità terramaricole è stata intrapresa nella consapevolezza che le attività alla base dell’economia di queste popolazioni, in particolare l’agricoltura, non potessero prescindere da misurazioni del tempo e conoscenze dell’orientamento. Non è dato sapere se la Civiltà delle Terramare avesse costruito costellazioni proprie, le avesse assorbite da culture limitrofe o non ne facesse uso; tuttavia all’epoca, in molte regioni d’Europa e dell’area del Mediterraneo vi erano già costruzioni (elaborate come piramidi o come più semplici complessi megalitici) basate su precisi allineamenti astronomici ed è assai probabile che almeno una parte di queste conoscenze fosse giunta alle Terramare.

Per l'evento serale la prenotazione è obbligatoria, mentre per la giornata è consigliata, telefonando al numero 335 8136948 (da lunedì a venerdì ore 9 - 12) o al numero 059 532020 (domenica stessa negli orari di apertura del Parco); oppure scrivendo una email a museo@parcomontale.it, assicurandosi di ricevere conferma.

Il costo del biglietto è quello consueto per la giornata (intero 7 euro, ridotto 5, gratuito fino a 5 e oltre 65, con riduzioni per possessori di Fidelity Card o per chi visita il MuSa, Museo dei Salumi di Castelnuovo Rangone) ed è ridotto per l’evento serale (3 euro adulti, 2 euro bambini) e gratuito per chi ha visitato il Parco durante la stessa giornata. È inoltre possibile visitare le ricostruzioni dopo le osservazioni della volta celeste su richiesta da fare al momento della prenotazione.

Ai bambini partecipanti alle visite e alle dimostrazioni della giornata verrà consegnato un Kit-laboratorio per realizzare a casa un lucente disco solare con la tecnica dello sbalzo su lamina dorata grazie all’aiuto di un tutorial scaricabile dal sito www.parcomontale.it e dal canale Youtube dei Musei Civici di Modena.

La Terramara di Montale è aperta al pubblico le domeniche fino al 1 novembre. Programma completo e informazioni per organizzare la visita sul sito (www.parcomontale.it - email museo@parcomontale.it). Facebook “parcomontale”.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

I più visti

  • Sboccia la primavera e torna in centro storico "Sassuolo in fiore"

    • oggi e domani
    • Gratis
    • dal 8 al 9 maggio 2021
    • Sassuolo
  • Modena da un obiettivo, tour in centro storico sulle orme dei fotografi della città

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • Piazza Roma
  • Andando incontro al tramonto, un tour tra i monumenti dei parchi di Modena Ovest

    • solo oggi
    • 8 maggio 2021
    • Parco Ferrari
  • Riapre il Pralc con la mostra "Fortunella" su gatti e profumi

    • Gratis
    • dal 26 aprile al 18 maggio 2021
    • Piccolo Museo Profumalchemico
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento