"Anna cappelli, uno studio" al Teatro delle Passioni

Teatro delle Passioni, Corso Carlo Sigonio 382 - Modena

7, 8, 9, 10 maggio ore 21.00

ANNA CAPPELLI, UNO STUDIO

di Annibale Ruccello

regia Pierpaolo Sepe

con Maria Paiato

scene Francesco Ghisu

luci Carmine Pierri

costumi Gianluca Falaschi

aiuto regia Sandra Conti

Fondazione Salerno Contemporanea Teatro Stabile di Innovazione

Modena, 5 maggio 2014

Dopo una tournèe di grande successo fra le principali piazze italiane fra cui Genova, Milano, Bologna, Roma, Napoli e Torino dal 7 al 10 maggio arriva a Modena Anna Cappelli, uno studio che vede sola in scena una straordinaria Maria Paiato diretta da Pierpaolo Sepe. Dopo essersi confrontati in Erodiadi con un testo di Giovanni Testori, la Paiato e Sepe si cimentano nel testo di Annibale Ruccello, uno degli esponenti più in vista della nuova drammaturgia napoletana prematuramente scomparso nel 1986.

Anna Cappelli è una comune donna di provincia in corsa contro il mondo: è in lotta con i genitori - a cui non perdona di aver lasciato alla sorella minore la sua stanza - non sopporta le colleghe snob e pettegole e tantomeno l'anziana signora che la ospita a Latina, città in cui Anna si trasferisce alla ricerca di occupazione.

Nella giovane donna si sviluppa una vera e propria ossessione e morbosità per le cose, per la smania di possesso: lontana dagli occhi e dalle bocche di tutti i personaggi che affollano la sua vita a stento riesce a trattenere scatti d'ira e crolli nervosi che la Paiato restituisce magistralmente al suo personaggio attraverso espressioni del viso, movenze e voce. La vita di Anna è fatta di solitudini fino a quando non arriva l'incontro con il ragionier Tonino Scarpa, proprietario di un appartamento con dodici stanze. Contro ogni sfida, Anna si trasferisce a casa del compagno senza essere spinta da amore: nella sua vita non c'è spazio per questo sentimento, l'unico obiettivo è quello di possedere, accumulare e dominare, ossessione che la porterà a un tragico gesto finale.

«L'intelligenza dell'autore sta nel nascondere, dietro la follia della normalità, un processo culturale drammatico che ha vissuto il nostro Paese: la protagonista del dramma porta in sé la miseria degli anni in cui divenne importante avere piuttosto che essere. Il principio del possesso, che ancora guida le nostre vite, si affermò ingoiando tradizioni culturali nobili e preziose. Fu in quegli anni che Pasolini urlò il dolore di chi avvertiva il pericolo che la sua stessa opera potesse perdere forza poetica e politica a causa di una dispersione drammatica di senso e di una tentazione di immoralità capitalistica. Fu in quegli anni che perdemmo l'onore. Fu in quegli anni che nacquero i cannibali, i padri della cultura odierna. Il nostro studio segna un primo approccio a questo dramma complesso e dal significato profondo e doloroso. È l'oscuro scrutare di Ruccello che cercheremo di restituire con adesione intellettuale ed emotiva».

Pierpaolo Sepe

ESTRATTI STAMPA

«È Anna Cappelli, la protagonista dell'ultima opera di Annibale Ruccello, esponente di spicco della cosiddetta 'nuova drammaturgia napoletana', scomparso a soli trent'anni nel 1986. A far rivivere il testo è una straordinaria Maria Paiato, guidata dall'intelligente regia di Pierpaolo Sepe che restituisce appieno il passo da thriller dell'anima.»

Magda Poli, Corriere della Sera, 15 dicembre 2012

« Maria Paiato una 'Anna Cappelli' a caratteri cubitali. Sul palco del Piccolo Teatro Studio il nome del personaggio giganteggia sul telo frontale, ecco la nostra Anna paltò giallino sixsties, decolté tacchetto e punta nera, borsetta e valigia bon ton, immersa in una struggente solitudine esistenziale la Paiato sfodera subito la sua incredibile bravura rivelando l'anima nera e squarciata di una donnina qualunque, dattilografa comunale trasferita da Orvieto a Latina, che la sorte trasformerà in una belva suo malgrado.»

Il Sole 24 Ore, Francesca Motta, 28 novembre 2012

Ingresso € 12 / 8,50

BIGLIETTERIA TELEFONICA

059 2136021 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13

BIGLIETTERIA TEATRO STORCHI

Largo Garibaldi, 15 - tel. 0592136021
Orari: martedì dalle ore 10 alle 14 e dalle 16.30 alle 19.00; dal mercoledì al venerdì dalle ore 10.00 alle 14.00; sabato dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 16.30 alle 19.00

VENDITA ONLINE

www.emiliaromagnateatro.com

www.vivaticket.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Festa Pd a Ponte Alto, il calendario definitivo degli spettacoli

    • dal 26 agosto al 21 settembre 2020
    • Ponte Alto
  • Torna a Modena la Festa Nazionale dell’unità, tanta politica e tanti spettacoli

    • Gratis
    • dal 26 agosto al 21 settembre 2020
    • Ponte Alto
  • "Non è la sagra!", a Castelvetro due settimane di eventi diffusi per celebrare il Grasparossa

    • Gratis
    • dal 13 al 27 settembre 2020
    • Castelvetro
  • Festival Filosofia 2020, il programma completo giorno per giorno

    • fino a domani
    • Gratis
    • dal 18 al 20 settembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ModenaToday è in caricamento