Dieci artisti, cento fotografie, una città: Soliera. Al Castello Campori inaugura la mostra "Un paese ci vuole"

“Un paese ci vuole. Fotografie fra luoghi e persone del nostro territorio” è il titolo di una collettiva che vedrà esposte circa un centinaio di fotografie, realizzate da dieci giovani artisti - Samantha Azzani, Cosimo Calabrese, Alessandra Carosi, Umberto Coa, Nicola Dipierro, Karim El Maktafi, Simone Mizzotti, Mattia Panunzio, Luana Rigolli e Irene Tondelli - coordinati da TerraProject, e in particolare da Simone Donati e Rocco Rorandelli. Il percorso espositivo viene arricchito da sei opere fotografiche dei TerraProject, scattate durante la permanenza in ‘paese’, che a fine mostra saranno donate al Comune di Soliera.

L’esposizione, che il Castello Campori di Soliera ospiterà a partire dal 30 novembre e fino all’8 marzo 2020, si ispira, per il titolo, a una frase che compare nel romanzo "La luna e i falò" di Cesare Pavese. Lo scrittore piemontese esprimeva così, nel 1950, un suo personale e inquieto bisogno di attaccamento a un territorio. Due anni dopo, nel 1952, Cesare Zavattini e il fotografo americano Paul Strand davano vita all’esperimento di indagine storico-culturale sulla realtà di Luzzara (in provincia di Reggio Emilia), immortalato nel volume "Un paese", pubblicato nel 1955.

Staccandosi da questi illustri precedenti, Soliera e TerraProject scommettono su una nuova ricognizione geografica e sociale di un territorio specifico, dando vita a una narrazione collettiva, frammentaria e ‘laterale’. I dieci giovani fotografi - ognuno con un proprio bagaglio di interessi e visioni, dal paesaggio urbano al ritratto, alla fotografia documentaria, a quella astratta - hanno vissuto per una settimana a Soliera nel settembre 2018, indagandone in modo errante e intensivo il tessuto sociale e fisico. “Dieci storie e dieci modi di raccontare”, scrive Giovanna Calvenzi nel suo contributo critico: “nella somma delle esperienze dei singoli autori nasce una nuova possibile Soliera”.

La mostra viene promossa dal Comune di Soliera, dalla Fondazione Campori e dal Centro Studi Storici Solieresi, con il sostegno della Regione Emilia Romagna (tramite un bando per attività di promozione dei centri storici delle città colpite dal terremoto del 2012), e verrà inaugurata sabato 30 novembre, alle ore 18.

Per l’intero periodo di apertura, la mostra, corredata di catalogo, prevede anche un programma di eventi  collaterali e laboratori didattici. La mostra “Un paese ci vuole” sarà visitabile presso il Castello Campori (piazza Fratelli Sassi 2, Soliera) di sabato e domenica con orario 9-13 e 15-19.30. Ingresso libero.

Per informazioni: Fondazione Campori +39.059.568580, info@fondazionecampori.it; Pagina Facebook: Soliera - Castello dell'Arte.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Mostre. Storie di maghette, calciatori e robottoni al Museo della Figurina

    • dal 12 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo della Figurina
  • Arnaldo Pomodoro, le opere di uno dei più grandi scultori contemporanei in esposizione a Soliera

    • Gratis
    • dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Castello Campori
  • "Ultima perfezione", Fmav presenta la prima mostra personale di Quayola in Italia

    • dal 18 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Palazzo Santa Margherita

I più visti

  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • Mostre. Storie di maghette, calciatori e robottoni al Museo della Figurina

    • dal 12 settembre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo della Figurina
  • Arnaldo Pomodoro, le opere di uno dei più grandi scultori contemporanei in esposizione a Soliera

    • Gratis
    • dal 17 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Castello Campori
  • Pavullo, tre mesi di concerti con la rassegna "Musica a Palazzo"

    • Gratis
    • dal 12 settembre al 12 dicembre 2020
    • Galleria dei Sotterranei di Palazzo Ducale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento