"Il vaso di Pandora", i giovani allo specchio nell'esordio letterario di Gianluca Gasparini

A pochi giorni dalla presentazione al pubblico de “Il vaso di Pandora”, che si terrà venerdì 7 giugno presso il Circolo gli Artigiani della Vita alle ore 21:00, il giovane scrittore modenese Gianluca Gasparini ci ha illustrato brevemente come ha avuto origine il suo primo romanzo. «Questo mio piccolo progetto è nato quasi per caso sul finire dell'estate dello scorso anno e rappresenta un rendez-vous con la mia vita, in particolare con l'ultimo anno che si estende dal Natale 2017 a quello appena trascorso».

Proseguendo nella disamina dell’opera, Gianluca ha fornito una chiave di lettura del suo libro che presenta radici fortemente legate alle sue esperienze quotidiane: «Dietro la mia opera si cela la volontà di far affiorare qualcosa di doloroso, segreto e oscuro che caratterizza profondamente l'intimità di ognuno di noi». L'autore esordiente ha scelto un titolo molto ambizioso, con una connotazione allegorica, la cui spiegazione fa luce definitivamente su quanto dichiarato in precedenza: «Più che allegorico lo definirei metaforico – chiosa lo scrittore modenese – il titolo "Il vaso di Pandora" è stato scelto con l'intento di cercare un collegamento con il mito classico e, parallelamente, con l'uso attuale della stessa espressione, ormai divenuta di dominio comune. Quest'ultima corrisponde al fatto di "scoperchiare" sentimenti, paure, domande che teoricamente sarebbero dovuti rimanere segreti; ricordi di giornate dolorosi, spiacevoli e talvolta oscuri, portatori di emozioni molto forti che caratterizzano l'inconscio di ciascuno di noi e che rimandano nel mito greco alla liberazione di tutti i mali che affliggono l’umanità per mano di Pandora, la quale aprì il vaso che le era stato donato da Zeus».

In un secondo momento, ha approfondito il proprio intento oltre il testo, specificando a chi è principalmente rivolto il suo romanzo e a quali fini mira. «Il libro ha come destinatari principali innanzitutto i giovani e poi la generazione dei loro genitori – spiega l’autore – Per quanto concerne gli obiettivi, centrale è quello di dare una nuova immagine dei ragazzi di oggi, per abbattere quegli stereotipi che classificano questi come persone esclusivamente votate all'edonismo, alle droghe, all'alcol e alla mollezza morale. Al contrario io intendo scardinare questi pregiudizi attraverso la vita di Leonardo, esempio di come proprio i giovani possano essere persone dotate di valori, propense a realizzare riflessioni introspettive sulla propria vita e sugli aspetti che la compongono».

La forma del diario non è casuale, ma funzionale a mettere in risalto l'intimità dell'esperienza del protagonista, un ragazzo in cui molti suoi coetanei possono identificarsi a dimostrazione di come l’autore abbia intenzionalmente voluto dare vita a «una storia paradigmatica utile a fornire una chiave di lettura, senza la pretesa di essere l'unica, nell'affrontare le problematiche quotidiane dei giovani di oggi».

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Diventare istruttore cinofilo? A Modena si può

    • dal 22 febbraio 2020 al 23 gennaio 2021
  • Basta uno sguardo: dodici fotografie ritraggono l'anima del Mercato Albinelli

    • Gratis
    • dal 12 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Mercato Albinelli
  • Convegno Nazionale sulla Cannabis terapeutica, a Modena la seconda edizione

    • dal 6 al 7 febbraio 2021
    • Online
  • La magia del Natale si accende con il presepe dell'Ex Cinema Principe

    • Gratis
    • dal 8 dicembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Ex Cinema Principe
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ModenaToday è in caricamento