Gioele Dix a Castelfranco Emilia con il monologo "Vorrei essere figlio di un uomo felice"

Domenica 19 gennaio alle ore 21.00 al Teatro Dadà di Castelfranco Emilia va in scena Vorrei essere figlio di uomo felice di e con Gioele Dix.

Usando come guida l’Odissea, Gioele Dix racconta e approfondisce alla sua maniera - recitando, leggendo e commentando insieme al pubblico - la vicenda di Telemaco che parte alla ricerca di Ulisse, il padre perduto. Un monologo intenso che arriva ad affrontare il tema della paternità nel suo senso più ampio, che sia essa ignorata, perduta, cercata o ritrovata.

Lo spettacolo si ispira al progetto dello stesso Gioele Dix Odissea: il viaggio di Telemaco andato in onda con successo su Rai 5 nel 2014.

All’inizio dell’Odissea, Ulisse è assente e lontano. A Itaca, nessuno sa se sia ancora vivo e se mai farà ritorno. Persino fra le vette dell’Olimpo regna l’incertezza e gli dei discutono a lungo sulla sua sorte.
Omero, come il più navigato degli sceneggiatori, sceglie di ritardare l’entrata in scena del suo primo attore. E con lui, l’apparizione di personaggi e avvenimenti strabilianti che renderanno indimenticabile il suo viaggio: la maga Circe, il ciclope Polifemo, il canto delle Sirene, la discesa nell’Ade, gli incantesimi della dea Calipso.
Nei primi quattro canti dell’Odissea, meno noti e frequentati, si racconta di un altro viaggio, meno spettacolare ma altrettanto determinante: quello del figlio di Ulisse alla ricerca del padre. Un breve ma intenso romanzo di formazione in cui Telemaco prova a uscire dall’ombra per imparare a crescere. Parte da Itaca sulle tracce dell’illustre e ingombrante genitore che non ha mai conosciuto, in un lungo itinerario per mare e per terra fitto di incontri rivelatori. E quando finalmente Ulisse e Telemaco si incontreranno, l’eroe, invecchiato ed esausto da una guerra inutile, abbraccerà il figlio diventato uomo e pronto a ricevere il suo scettro.
Un recital vivace che si muove fra comicità, suggestioni colte, rimandi alla contemporaneità e tratti di improvvisa e affilata ironia.

Stagione 2018/2019
Teatro Dadà
Piazzale Curiel 26 – Castelfranco Emilia (MO)
19 gennaio ore 21.00
Vorrei essere figlio di un uomo felice
di e con Gioele Dix
disegno luci Carlo Signorini
audio Giuseppe Pellicciari (Mordente)

produzione Giovit
distribuzione WEC – World Entertainment Company

Informazioni e prenotazioni Teatro Dadà:
Prezzi dei biglietti € 20 / 16
Biglietteria – Piazzale Curiel, 26 – Castelfranco Emilia (MO)
Orari apertura al pubblico: mercoledì dalle ore 15.30 alle 19.00, venerdì dalle 10.30 alle 14
Il giorno di spettacolo dalle ore 15.30
Biglietteria telefonica – tel. 059 2136021
Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13
info.biglietteria@emiliaromagnateatro.com | castelfranco.emiliaromagnateatro.com | www.vivaticket.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "A la Dmanga dap mezdé", rassegna di spettacoli dialettali a Castelnuovo

    • dal 12 gennaio al 2 febbraio 2020
    • Circolo Arci Ex-Stazione
  • Memoria. A Medolla un recital sul beato Odoardo Focherini

    • solo oggi
    • Gratis
    • 27 gennaio 2020
    • Teatro Facchini

I più visti

  • "Keine Papiere. Senza le carte di identità", in mostra la street art che diventa impegno sociale

    • Gratis
    • dal 13 settembre 2019 al 15 febbraio 2020
    • Biblioteca Poletti
  • Un nome, un destino: inaugura a Palazzo dei Musei la mostra "Nomen Omen"

    • Gratis
    • dal 13 settembre 2019 al 15 febbraio 2020
    • Palazzo dei Musei
  • Auditorium Ferrari di Maranello, il cartellone della stagione 2019/2020

    • dal 7 novembre 2019 al 7 aprile 2020
    • Auditorium Enzo Ferrari
  • "Piccoli Tesori di Latta", inaugura nella Chiesa di San Carlo la mostra di giochi d'epoca

    • Gratis
    • dal 7 dicembre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Chiesa di San Carlo
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ModenaToday è in caricamento