Hera. Al via il porta a porta per le aree produttive di Fiorano

Partirà lunedì la raccolta porta a porta nella zona produttiva di Fiorano-Spezzano, dopo una lunga fase di tutoraggio. I contenitori per la raccolta stradale verranno rimossi da metà agosto

Da lunedì 24 luglio cambia la gestione dei rifiuti per le imprese e le famiglie residenti nell’area produttiva di Fiorano – Spezzano, dove dopo un’intensa azione di tutoraggio prenderà il via la raccolta domiciliare.  A tutti gli utenti interessati , domestici e non domestici, è stato consegnato il kit per effettuare correttamente il “porta a porta”, composto nella sua dotazione standard da contenitori per organico e vetro e sacchi per indifferenziato, carta e plastica.

Una particolare attenzione è stata rivolta alle esigenze delle imprese, che hanno potuto concordare con i tecnici Hera la consegna, in casi di volumi previsti particolarmente significativi, di cassonetti di diversa capienza (fino a 1.700 litri) per agevolare la gestione dei rifiuti. Da metà agosto, poi, verranno progressivamente rimossi i contenitori stradali.

Nei prossimi mesi anche le zone industriali degli altri tre comuni progressivamente sperimenteranno lo stesso iter: dopo Sassuolo, che con Casiglie ha fatto da apripista, e Fiorano Modenese sarà la volta di Maranello; seguiranno Formigine e, a chiudere, le rimanenti aree produttive sassolesi.Obiettivo primario di questa evoluzione del servizio è il miglioramento della qualità e della quantità della raccolta differenziata prodotta. Tuttavia, la raccolta porta a porta consente alle aziende anche di tracciare con maggiore accuratezza i rifiuti conferiti e quindi di identificare e ridurre gli sprechi. 

Infine, la rimozione dei cassonetti a bordo strada disincentiverà gli abbandoni, con conseguente miglioramento del decoro urbano, e consentirà di prevenire lo scorretto conferimento di rifiuti speciali, per i quali la normativa impone appositi canali di smaltimento. Si ricorda infatti che per le imprese, i rifiuti interessati dalla nuova raccolta differenziata porta a porta sono quelli “assimilati” ai rifiuti domestici. Per i rifiuti “non assimilati”, come ad esempio i materiali di risulta dall’attività produttiva, nulla cambia: trattandosi infatti di cosiddetti “rifiuti speciali”, già da tempo ogni azienda deve provvedere al loro smaltimento attraverso fornitori specializzati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate mute e squilli dalla Tunisia, anche a Modena boom di truffe "ping calls”

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Rubati i dati di 3 milioni di clienti Unicredit, preoccupazione anche Modena

  • Madre denuncia la scomparsa del figlio, rintracciato in carcere a Oslo

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • "Buonasera, io sarei ricercato", ladro ventenne si presenta in caserma con la madre

Torna su
ModenaToday è in caricamento