Hera. Al via il porta a porta per le aree produttive di Fiorano

Partirà lunedì la raccolta porta a porta nella zona produttiva di Fiorano-Spezzano, dopo una lunga fase di tutoraggio. I contenitori per la raccolta stradale verranno rimossi da metà agosto

Da lunedì 24 luglio cambia la gestione dei rifiuti per le imprese e le famiglie residenti nell’area produttiva di Fiorano – Spezzano, dove dopo un’intensa azione di tutoraggio prenderà il via la raccolta domiciliare.  A tutti gli utenti interessati , domestici e non domestici, è stato consegnato il kit per effettuare correttamente il “porta a porta”, composto nella sua dotazione standard da contenitori per organico e vetro e sacchi per indifferenziato, carta e plastica.

Una particolare attenzione è stata rivolta alle esigenze delle imprese, che hanno potuto concordare con i tecnici Hera la consegna, in casi di volumi previsti particolarmente significativi, di cassonetti di diversa capienza (fino a 1.700 litri) per agevolare la gestione dei rifiuti. Da metà agosto, poi, verranno progressivamente rimossi i contenitori stradali.

Nei prossimi mesi anche le zone industriali degli altri tre comuni progressivamente sperimenteranno lo stesso iter: dopo Sassuolo, che con Casiglie ha fatto da apripista, e Fiorano Modenese sarà la volta di Maranello; seguiranno Formigine e, a chiudere, le rimanenti aree produttive sassolesi.Obiettivo primario di questa evoluzione del servizio è il miglioramento della qualità e della quantità della raccolta differenziata prodotta. Tuttavia, la raccolta porta a porta consente alle aziende anche di tracciare con maggiore accuratezza i rifiuti conferiti e quindi di identificare e ridurre gli sprechi. 

Infine, la rimozione dei cassonetti a bordo strada disincentiverà gli abbandoni, con conseguente miglioramento del decoro urbano, e consentirà di prevenire lo scorretto conferimento di rifiuti speciali, per i quali la normativa impone appositi canali di smaltimento. Si ricorda infatti che per le imprese, i rifiuti interessati dalla nuova raccolta differenziata porta a porta sono quelli “assimilati” ai rifiuti domestici. Per i rifiuti “non assimilati”, come ad esempio i materiali di risulta dall’attività produttiva, nulla cambia: trattandosi infatti di cosiddetti “rifiuti speciali”, già da tempo ogni azienda deve provvedere al loro smaltimento attraverso fornitori specializzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 luoghi in Appennino Modenese che non puoi non vedere

  • Via Emilia, giovane accoltellato in pieno centro storico

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Tragedia accanto allo scalo merci, muore schiacciato dalla propria auto

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

Torna su
ModenaToday è in caricamento