menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bando per l'assegnazione dell'immobile delle ex Poste

C’è tempo fino alle ore 13 di lunedì 27 giugno per presentare domanda per la concessione dei locali comunali di via Nicolò dell’Abate 66 per un periodo di 10 anni

Il Comune di Modena, dopo una prima assegnazione temporanea degli spazi al piano terra, il completamento dei lavori di ristrutturazione nella parte restante di edificio e una prima gara le cui offerte non sono state ritenute ammissibili, ha pubblicato (all’Albo Pretorio e sul sito www.comune.modena.it/bandi) il bando per l’assegnazione dei locali dell’intera porzione di immobile, costituito da piano interrato, terra e primo, per una superficie complessiva di 2.155 metri quadrati. L’offerta dovrà essere consegnata a mano al Servizio Patrimonio in via Santi 40.

C’è tempo fino alle ore 13 di lunedì 27 giugno per presentare domanda per la concessione dei locali comunali di via Nicolò dell’Abate 66 per un periodo di 10 anni. L’obiettivo rimane la riqualificazione del comparto con l’insediamento di funzioni e attività di diverso genere, capaci di richiamare pubblico, sollecitare partecipazione e aggregazione, e rendere il tessuto urbano limitrofo più vissuto.

L’affidamento degli spazi, tramite selezione pubblica secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, avverrà sulla base di una proposta progettuale valutata da apposita Commissione che assegnerà un massimo 20 punti per l’offerta economica e di 80 per l’offerta tecnica sulla base dell’efficacia e qualità della proposta relativa alla gestione culturale e imprenditoriale, con una ricalibrazione dei punteggi fino a un massimo di 40 punti per la programmazione di servizi e attività commerciali e imprenditoriali (nel primo bando pari a 45 punti) e di 40 per la programmazione di attività culturali, sociali e d’intrattenimento (nel primo bando 35).

Due spazi collocati al piano terra dovranno essere riservati ad attività di rilevanza collettiva realizzati dall’Amministrazione comunale o da soggetto da essa individuati, oltre a spazi per la collocazione di schermi informativi da parte dell’Amministrazione per la diffusione di contenuti di comunicazione pubblica.

Le proposte progettuali dovranno quindi riguardare un mix di attività di tipo commerciale, come ad esempio servizi di somministrazione di alimenti e bevande, showroom, convegni, commercializzazione di prodotti, eventi aziendali, deposito bagagli, noleggio/riparazione biciclette; e ricreativo/culturali e sociali, come mostre d’arte, proiezioni video, conferenze/dibattiti, oltre ad attività di intrattenimento quali spettacoli musicali, teatrali, laboratori di espressività e creatività, performance.

L’organizzazione delle attività potrà avvenire tramite definizione di nuovi format anche legati a esperienze italiane ed europee, come il co-working con l’utilizzo di spazi attrezzati a uffici e adibiti alla locazione per periodi più o meno brevi, la possibilità di condivisione di know how, la circolazione di idee e persone tra imprenditori e liberi professionisti o soggetti del Terzo settore, l’utilizzo di spazi in comune (ad esempio la sala riunioni), o modalità che consentano il networking tramite l’utilizzo di spazi di lavoro condiviso rivolti a creativi, imprenditori sociali, professionisti dell’innovazione.

L’affidamento della gestione dell’immobile sarà assegnata a un unico soggetto, capace di rappresentare eventualmente una pluralità di soggetti coinvolti nella gestione dei locali (imprese, Terzo Settore), che si farà carico di tutti i costi di gestione e riconoscerà al Comune un canone di affitto su base annuale offerto in sede di gara a partire dalla base d’asta di 135 mila euro (canone ribassato del 10 per cento rispetto al primo bando ma parametrato al maggior spazio messo a disposizione con l’aggiunta dell’interrato).

Tale canone verrà ridotto in proporzione alla pubblica utilità delle funzioni previste, sulla base della natura delle attività proposte, fino a un massimo del 50 per cento per i soggetti commerciali e del 90 per cento per soggetti appartenenti al volontariato e all’associazionismo, come previsto dal Regolamento comunale. Potranno partecipare alla selezione soggetti commerciali in forma d’impresa (società, imprese, ditte individuali e altro) e Ats (Associazioni temporanee di scopo) costituite da soggetti commerciali e appartenenti al Terzo Settore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagio, solo 97 casi nel modenese. Corrono le guarigioni

Attualità

Contagio. Oggi a Modena 150 casi, ma percentuale stabile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento