rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Famiglia

Centri estivi Modena, voucher anche per i lavoratori atipici

Rispetto al 2012 aumentato l'utilizzo di strutture comunali. Le garanzie sui gestori

L’estate 2013 è dunque il secondo anno della nuova organizzazione dei centri estivi e molti dati sono in linea con quelli dell'anno precedente: nel 2012 furono infatti richiesti 90 voucher per i nidi e 264 per le scuole d'infanzia e primarie, per una spesa complessiva di circa 14 mila euro, e furono fornite 5 mila ore di appoggio a 47 bambini disabili, con un costo di 83 mila euro.

Tra le novità proposte nel 2013 c'è stato l'innalzamento della soglia di reddito per richiedere i voucher, portata a 15mila 600 euro di equivalente Isee. La possibilità di fare richiesta è stata riservata ai genitori occupati, anche se con contratti atipici. È aumentato invece notevolmente il numero dei gestori che richiedono al Comune la possibilità di utilizzare una struttura: dai dieci dello scorso anno ai 18 del 2013. In tutto i gestori iscritti sono 33 (erano 30 nel 2012) e hanno proposto di organizzare 43 centri estivi (uno in meno dell'anno precedente).

Per iscriversi all'albo e accreditarsi presso il Comune di Modena, i gestori dei centri estivi (cooperative, polisportive, fattorie didattiche, associazioni eccetera) devono presentare una proposta pedagogica e garantire il rispetto di tutti i requisiti formali: per esempio, un adeguato rapporto numerico educatori-bambini e l’osservanza delle normative sanitarie in materia di somministrazione pasti. I gestori che hanno fatto richiesta di una struttura comunale (un nido, una scuola elementare o una scuola d'infanzia), pagheranno al termine della stagione un contributo al Comune per le settimane effettivamente utilizzate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centri estivi Modena, voucher anche per i lavoratori atipici

ModenaToday è in caricamento