rotate-mobile
Sabato, 18 Maggio 2024
Guida

Digitale terreste ad alta definizione, come e quando risintonizzare la tv

Tra oggi e domani toccherà alla maggior parte dei comuni modenesi subiro il "refarming" che costringe ad effettuare di nuovo la registrazione dei canali e rende inutilizzabili le vecchie televisioni non HD

"La tv sta cambiando. E' in arrivo l'alta qualità". Questo lo spot utilizzato dal Ministero dello sviluppo economico nell'annunciare la riorganizzazione delle frequenze televisive. La rvoluzione ha avuto inizio nelle scorse ore in tutta Italia, anche se ogni territorio prevede date differenti. Dopo quella data sarà necessario risintonizzare gli apparecchi televisivi.

I canali trasmessi con la nuova codifica ad alta definizione saranno visibili in alta qualità e potranno essere visualizzati solamente da apparati in grado di supportare l’HD (alta definizione).

Per visualizzare correttamente questi programmi sarà necessario effettuare la risintonizzazione del proprio televisore o decoder: se, anche dopo aver effettuato tale procedura, il proprio dispositivo non risultasse abilitato a ricevere il segnale con la nuova tecnologia, i telespettatori potranno sostituirlo beneficiando dei Bonus messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Tuttavia, al fine di agevolare il passaggio di un’ampia parte della popolazione verso il più avanzato standard di codifica, fino al 31 dicembre, le emittenti nazionali potranno continuare a trasmettere contemporaneamente i loro canali sia con la “vecchia” codifica MPEG-2 che con la nuova codifica MPEG-4. I canali trasmessi in MPEG-4 e visibili in alta qualità saranno però posizionati tra il numero 1 e 9 e dal numero 20 in poi.

Per le emittenti televisive locali invece, il cambio di codifica da MPEG-2 a MPEG-4 continuerà ad avvenire per aree geografiche, in parallelo con il processo di refarming, secondo il calendario di riorganizzazione delle frequenze stabilito dal Ministero dello Sviluppo Economico.

In Emilia-Romagna 

Nella giornata del 1° marzo in tutta la Regione è stata effettuata anche la riorganizzazione dei programmi RAI (Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News 24 e programmazione regionale).

I telespettatori, quindi, dovranno eseguire la procedura di risintonizzazione dei canali che consente di agganciare le nuove frequenze e continuare a vedere l’intera offerta televisiva. Sempre nella stessa data, le trasmissioni di Rai News 24 saranno diffuse in alta qualità e pertanto potranno essere visibili solo se si è in possesso di un televisore o decoder in grado di supportare l’HD.

Tra il 2 e il 4 marzo, invece, il refarming è proseguito in Emilia-Romagna dove è già iniziato lo scorso gennaio. Questa volta, ad essere coinvolte dalle operazioni, saranno parte delle provincie di Parma, Bologna, Reggio-Emilia, Modena e Forlì-Cesena.

Nella giornata del 2 marzo, inoltre in tutta la Regione è stata attuata la riorganizzazione dei programmi RAI (Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rai News 24 e programmazione regionale). I telespettatori emiliani dovranno dunque eseguire una doppia risintonizzazione dei canali: la prima è da effettuarsi nella giornata del 2 marzo per visualizzare correttamente i programmi RAI ricollocati; la seconda invece, dovrà essere lanviata nella data prevista per il proprio Comune, quando verranno ricollocate le frequenze di tutte le emittenti nazionali e locali. Infine, sempre il 2 marzo, le trasmissioni di Rai News 24, saranno diffuse in alta qualità in tutta la Regione.

Persapere la data precisa in cui avverrà il cambiamento. è possibile consultare la tabella che riporta tutti i comuni direttamente sul sito del Mise a questo indirizzo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Digitale terreste ad alta definizione, come e quando risintonizzare la tv

ModenaToday è in caricamento