rotate-mobile
Guida

Neve e blackout, arrivano i rimborsi automatici di Hera

Nessuna richiesta da inoltratre al gestore, ma cifre calcolate automaticamente e sottratte dalle future bollette. Ecco la tabella che spiega gli indennizzi previsti dopo l'emergenza neve che ha lasciato al buio e al freddo migliaia di cittadini

In seguito all’emergenza neve che ha interessato nei giorni scorsi le provincie dell’Emilia, gli utenti finali che hanno subito disagi e disservizi causati dall’interruzione di energia elettrica hanno diritto a rimborsi automatici che troveranno conteggiati nelle bollette dei prossimi mesi in base ai criteri indicati nella Delibera 198/11 dell’AEEGSI. Pertanto per ottenere gli indennizzi, non serve alcuna richiesta da parte dei clienti.

Il calcolo degli indennizzi tiene conto del tempo massimo per il ripristino della fornitura, che varia da un minimo di 4 a un massimo di 16 ore in base alla tensione di alimentazione (BASSA, MEDIA) e al grado di concentrazione territoriale (ALTA, MEDIA, BASSA) e anche della tipologia di clienti (DOMESTICI, NON DOMESTICI, INDUSTRIALI)

Sulla base di questi criteri, i rimborsi automatici che scattano automaticamente e indipendentemente dalla responsabilità e dalle cause dell’interruzione, possono andare da un minimo di 30 a un massimo di 6.000 € a seconda della tipologia di cliente e vengono riconosciuti dalla Società di Distribuzione alla Società di Vendita e da questa al cliente finale secondo lo schema indicato dalla seguente tabella:

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Neve e blackout, arrivano i rimborsi automatici di Hera

ModenaToday è in caricamento