Meteo. Un Novembre anomalo, tre gradi in più rispetto all'ultimo decennio

Novembre 2018 per l’Osservatorio Geofisico del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore è stato il quarto mese di novembre più caldo registrato in città dal 1860. La temperatura media è stata di 11.7°

Il mese di novembre 2018 si conclude con una notevole anomalia termica positiva a Modena. Infatti, il consueto report meteoclimatico mensile elaborato dal meteorologo Luca Lombroso dell’Osservatorio Geofisico del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore indica in 11.7°C la temperatura media misurata presso la stazione storica di rilevamento collocata sul torrione orientale del Palazzo Ducale, in centro a Modena. Più in dettaglio il valore, che risulta di ben 3.0°C superiore al riferimento del periodo 1981-2010, fa del novembre 2018 il quarto mese di novembre più caldo dal 1860 a oggi.

Sostanzialmente nella media le precipitazioni, che assommano a 72.9 mm, con uno scostamento trascurabile rispetto al valore climatologico che è di 69.8 mm. Gli estremi spaziano dai +1.9°C della temperatura minima per quanto riguarda la mattina più fredda, il 29 novembre, ai 18.6°C di temperatura massima nel pomeriggio più mite che è stato il giorno 8 novembre. A Modena Campus DIEF, in periferia, la temperatura media è risulta di 10.7°C, con complessivi 92.5 mm di precipitazioni ed estremi più marcati, -1.9°C la temperatura minima più bassa sempre il 30 novembre e +20.5°C nel mite pomeriggio dell’8 novembre

L’importanza di monitoraggi locali è testimoniata dai valori di Reggio Emilia, dove la temperatura media risulta in questo mese un po’ più bassa, 10.2°C, e con precipitazioni un po’ più abbondanti, 105.9 mm. Il giorno più freddo il termometro è sceso a -1.9°C, il 30 novembre, e il più caldo è salito fino a 19.3°C sempre l’8 novembre. Previsioni. Il giorno 1 dicembre dovrebbe segnare, da calendario, l’inizio dell’inverno meteorologico, ma per ora il vero freddo non si è avvertito e la neve non è comparsa, non solo in pianura ma anche in Appennino.

Per i prossimi giorni è atteso il rafforzamento di un anticiclone con caratteristiche in parte subtropicali in quota, dove risalirà aria relativamente mite, tanto da far risalire la quota dello zero termico a 3000-3200 m. A seguito del formarsi di inversioni termiche al mattino si avvertirà relativamente freddo a fondovalle e pianura. Giornate apparentemente buone dunque, ma a prezzo di accumulo di inquinanti nelle città. Giovedì 6 dicembre transiterà, invece, una modesta perturbazione, ma senza effetti di rilievo sul nostro territorio, che porterà solamente una giornata più grigia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Temperature in aumento nei valori massimi, che verso martedì 4 dicembre si porteranno nelle città di Modena e di Reggio Emilia anche sui 9-11°C, con marcata escursione termica, dove al mattino si scenderà poco sopra allo zero. Da segnalare infine, soprattutto nella bassa pianura, le nebbie. Da sabato 8 dicembre aria fredda si avvicina alle Alpi e potrebbe entrare la prossima settimana. “Ma al momento – precisa il meteorologo Luca Lombroso - è presto per parlarne, ricordiamo che oltre i 6-8 giorni le previsioni perdono di affidabilità”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

  • Trafficante di cocaina reagisce all'arresto e punta la pistola in faccia ad un carabiniere

Torna su
ModenaToday è in caricamento