SF90 Spider, svelata la nuova supercar a tetto aperto del Cavallino Rampante

La prima vettura ibrida plug-in con tetto rigido ripiegabile della line-up Ferrari è in grado di esaltare come nessun’altra le emozioni di guida en plein air

Sono stati tolti i veli alla SF90 Spider, versione cabrio della SF90 Stradale, nel corso di un evento digitale dedicato. La vettura non è solamente la prima spider ibrida plug-in di serie del Cavallino Rampante, ma si pone anche come riferimento assoluto in termini di performance, innovazioni ed emozioni di guida rispetto alla gamma della Casa di Maranello e alla produzione dell’intero settore delle auto sportive.

Questa eccezionale vettura, che eredita dalla SF90 Stradale l’impostazione estrema da supercar di gamma e le prestazioni da primato, riesce ad aumentare il piacere di guida e la fruibilità in ogni situazione grazie all’ultima versione del tetto rigido ripiegabile. La SF90 Spider è quindi un’auto di rottura, che ridefinisce alcuni dei fondamentali della categoria delle supercar. Si pone come veicolo d’elezione per chi aspira al massimo livello di tecnologia Ferrari e desidera lasciarsi emozionare dalle sue performance senza rinunciare alla versatilità e al piacere di guida a tetto aperto garantiti dall’RHT (Retractable Hard Top), marchio di fabbrica delle spider del Cavallino Rampante sin dal 2011.

Il sistema ibrido plug-in della SF90 Spider le garantisce prestazioni irraggiungibili per qualsiasi altra spider di serie: il motore turbo da 780 cv è infatti affiancato da tre motori elettrici, uno al posteriore e due sull’assale anteriore, che portano la potenza massima disponibile a ben 1000 cv. La grande ricercatezza di questo impianto non comporta tuttavia complicazioni per il pilota, poiché la sofisticata logica di controllo supervisiona in autonomia la gestione dei flussi di energia in base alle condizioni di utilizzo. Al driver non resta quindi che impostare una delle modalità di utilizzo della power unit (eDrive, Hybrid, Performance e Qualify) selezionabili tramite il nuovissimo eManettino e lasciarsi emozionare. Come la SF90 Stradale, anche la SF90 Spider è dotata di trazione integrale on-demand, una prima assoluta per le sportive della Casa di Maranello che consente alla vettura di trasformarsi nel nuovo riferimento per la partenza da fermo: 0-100 km/h in 2,5 s e 0-200 km/h in 7,0 s.

L’architettura adottata ha permesso ai tecnici di potenziare anche la logica di gestione del controllo dinamico della vettura, ora chiamata eSSC: il sistema verifica costantemente le condizioni dinamiche del veicolo e ne controlla stabilità di marcia e motori elettrici anteriori al fine di gestire indipendentemente le coppie applicate alla ruota interna ed esterna (Torque Vectoring), migliorando notevolmente la trazione in uscita curva e consentendo al pilota di raggiungere il limite in tutta semplicità e sicurezza.

Il design della SF90 Spider è concepito partendo dalla massima fedeltà ai caratteri distintivi della SF90 Stradale. Gli accorgimenti apportati dal Centro Stile Ferrari nella zona del tonneau ne hanno consentito la perfetta integrazione con il resto della vettura, risultato ancor più sorprendente se si considera che la visibilità del motore attraverso il lunotto non è alterata dall’ingombro del tetto. Il propulsore rimane quindi sempre protagonista indiscusso dell’auto e ben visibile a tetto chiuso o en plein air.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento