Ecco "Nettuno", il nuovo motore Maserati nato a Modena per la super sportiva MC20

Maserati riparte con un nuovo motore (potenza specifica di 210 Cv/litro) prodotto a Modena. Si tratta del cuore pulsante della nuova super sportiva MC20, disegnato e progettato nei laboratori e nelle officine della casa del Tridente a Modena, tra il Maserati Innovation Lab di via Emilia Ovest e le officine di via Delle Nazioni, dove storicamente trovava la propria sede Maserati Corse. 

Il nuovo propulsore è stato sviluppato nel polo motori dello storico impianto di viale Ciro Menotti, dove sarà anche prodotto e dove sono tuttora in via di allestimento anche la nuova linea produttiva e la nuova verniciatura dedicate alla tanto attesa MC20, nell'ambito del progetto al 100% made in Modena.

"Il nuovo motore- spiegano dall'azienda del Tridente- è il risultato di una vera e propria rivoluzione tecnologica, coperta da brevetti internazionali. Un progetto nato grazie alla passione e all'impegno di una squadra di tecnici e ingegneri altamente specializzati, donne e uomini, che hanno affrontato con grande entusiasmo una nuova sfida: riportare in Maserati a Modena lo sviluppo e la produzione di un nuovo motore ad alto contenuto tecnologico ed elevate prestazioni dopo oltre 20 anni". La 'nuova era' Maserati inizierà ufficialmente il 9 e 10 settembre a Modena in occasione dell'evento "MMXX: The time to be audacious".

Saranno svelati modelli inediti, che vedranno la luce nei prossimi anni, innovativi sistemi di propulsione oltre ad ambiziosi programmi sviluppati dalla Casa del Tridente.

(DIRE)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Temporale e grandine, una furia in piena notte si abbatte sulla provincia

  • Festa de L'Unità, prime anticipazioni sugli spettacoli di Ponte Alto

  • Coronavirus, individuati 56 nuovi casi positivi. Due i decessi

  • Si masturba in piazza, fermato accanto al palco del Radio Bruno Estate

  • Contagio, 5 casi nei comuni di Formigine, Castelnuovo e Modena

  • Contagio, 8 positivi in più. La metà è legata sempre dal focolaio romagnolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento