rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Motori

Arriva il suv Maserati Grecale, c'è anche la versione mild hybrid "Modena"

Grecale è una gamma nella gamma, la più completa di sempre della Casa del Tridente che verrà completata nei prossimi mesi con la motorizzazione elettrica

Arriva Maserati Grecale, il nuovo SUV della casa del Tridente. Grecale porta il nome di un vento -come nella tradizione del marchio - ed è una gamma nella gamma. La proposta di motorizzazioni disponibili è estremamente ampia: motore a combustione tradizionale, ibrido e, tra un anno, Grecale sarà anche il primo SUV completamente elettrico nella storia di Maserati.

Grecale GT, con il suo 4 cilindri mild hybrid da 300 CV parla di suggestioni urbane, fatte di un minimalismo contemporaneo, per i cittadini del mondo, dinamici e curiosi, attenti alle tendenze, ma anche costantemente alla ricerca di uno stile che si fa personale. Grecale Modena, equipaggiata da un 4 cilindri mild hybrid da 330 CV, possiede un’eleganza innata, senza tempo e sprigiona lo charme di chi ama vivere al contatto con la natura per godere al meglio del proprio tempo. Infine, Grecale Trofeo, con un potente V6 da 530 CV, è adrenalina allo stato puro, dove le prestazioni dirompenti della vettura diventano lo strumento perfetto per vivere la propria sfida personale.

Completerà la gamma Grecale Folgore, la versione 100% elettrica con tecnologia a 400 Volt.

Presentato il suv Maserati Grecale

Il nuovo SUV è capace di distinguersi per abitabilità e comfort, potendo vantare di una serie impressionante di “best in class”. È il migliore della sua categoria come spazio interno, guidabilità, maneggevolezza, accelerazione (0-100 km/h in soli 3,8” – per la versione Trofeo), velocità di punta (285 km/h – per la versione Trofeo), qualità del suono e uso estensivo di materiali pregiati come legno, carbonio e pelli.

Le dimensioni sono importanti: nella versione GT, Grecale è lungo 4.846 millimetri con un passo di 2.901, alto 1.670, largo 2.163 mm (specchietti inclusi) con una carreggiata posteriore di 1.948 (che aumenta nella versione Trofeo).

Il design di Grecale abbraccia il nuovo segno grafico di Maserati, che a partire da MC20, definisce in tutti i nuovi modelli. Il frontale è caratterizzato da una calandra bassa e da una griglia imponente. Nel profilo si nota il contrasto tra purezza e tecnica, con un body molto fluido, dalle forme sinuose e plastiche, con gli elementi tecnici messi in risalto dal carbonio. Nella parte posteriore la fanaleria a boomerang è ispirata alla 3200 GT di Giugiaro e si integra con la linea trapezoidale, caratteristica resa ancora più evidente dall’effetto coupé della cabina che si chiude come una vettura sportiva.

All’interno, in abitacolo, spiccano i contenuti tecnologici con il tradizionale orologio Maserati che, per la prima volta, diventa digitale e si trasforma in un vero e proprio maggiordomo a bordo, grazie ai comandi vocali.
Tutto diventa touch e la pulizia estetica è estrema. La tecnologia è comandata dai display: lo schermo centrale di grandi dimensioni da 12,3’’, il più grande mai montato su una Maserati, un altro per i comandi accessori da 8,8’’ e un terzo nella fila posteriore per i passeggeri.

Durante la World Premiere di Grecale - uno speciale evento digitale sul sito internet del marchio - Matilda De Angelis e Alessandro Borghi, Ambassador del Brand e attori italiani di fama internazionale, sono stati scelti per incarnare e descrivere il carattere everyday exceptional del nuovo modello. Presente anche l’artista italiano Dardust, con un brano esclusivo, che ha accompagnato una parte dell’evento digitale. Proprio con Dardust gli ingegneri del Maserati Innovation Lab di Modena hanno collaborato per la progettazione del suono in vettura. Un lavoro a quattro mani che ha preso forma in un transfert tra tecnologia e sound design personalizzando i cosiddetti chimes, ovvero i feedback acustici percepiti dall'utente durante la straordinaria esperienza di guida a bordo di Grecale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva il suv Maserati Grecale, c'è anche la versione mild hybrid "Modena"

ModenaToday è in caricamento