Rinasce il Città di Schio, Maddalosso non manca

Il ritorno di una delle classiche, del panorama rallystico in Triveneto, vedrà il pilota di Albignasego vestire i colori di Top Drivers, alla guida di una Renault Clio di gruppo N.

Tutto il Triveneto è ansioso per l'imminente apertura del sipario sulla rinascita del Rally Città di Schio, una delle gare più attese di questa stagione. Autentico totem del rallysmo vicentino, l'appuntamento in programma per Venerdì 13 e Sabato 14 Novembre è pronto a scrivere un nuovo capitolo della propria storia, con grandi numeri. Su un palcoscenico così prestigioso Top Drivers non ha voluto mancare, presentandosi al via con uno dei suoi neo acquisti, per l'annata in corso, ovvero Roberto Maddalosso. Un ritorno, quello del pilota di Albignasego, già visto sulle speciali scledensi nell'edizione targata 2016, chiusa con un buon quinto posto tra le R2B, al debutto sulla Citroen C2 R2.

“Sarà bello tornare a correre in una piazza importante come è Schio” – racconta Maddalosso – “perchè questa gara è una classica per noi in Triveneto. L'ultima volta che abbiamo corso qui è stato nel 2016, eravamo al debutto con la nuova Citroen C2 R2 ed andò abbastanza bene.”

Una partecipazione caratterizzata da due importanti novità, con l'abbandono di quella Peugeot 208 R2, capace di regalare diverse soddisfazioni, a favore di una Renault Clio RS di gruppo N, messa a disposizione da PR2 Sport, e con il ritorno di Nicola Doria, sul sedile di destra. “Questo Schio avrà una novità ed un gradito ritorno” – aggiunge Maddalosso – “perchè, dopo due vittorie e due podi in sette gare, abbandoneremo la Peugeot 208 R2. In questa occasione correremo con una Renault Clio RS di PR2 Sport, una vettura che conosco molto bene avendoci corso per parecchio tempo. Dal 2010 al 2013 abbiamo vissuto assieme tre stagioni, tra alti e bassi, ma conservo sempre un ricordo buono di questa vettura. Per i noti motivi questa stagione è stata pesantemente condizionata quindi, da questo Schio, non ci aspettiamo altro che del sano divertimento. Dopo la parentesi di Scorzè ritroverò, al mio fianco, il fido Nicola Doria. Questo Schio ci porterà nuovi stimoli perchè andremo a confrontarci in una classe che, ad oggi, è diventata sconosciuta per noi ma che sarà certamente agguerrita, come le altre.”

Due i tratti cronometrati che costituiranno l'ossatura di questo ventinovesimo Rally Città di Schio, a partire dalla rispolverata “Monte di Malo” (7,29 km) che farà coppia con la più conosciuta “Santa Caterina” (11,93 km) ed un totale cronometrato di circa sessanta chilometri. “Il percorso dello Schio è sempre molto bello” – conclude Maddalosso – “perchè unisce tratti molto veloci ad altri tecnici. Salita e discesa si alternano di continuo. L'ultima volta che abbiamo corso qui, nel 2016, si trattava di un format rally day e le prove speciali erano decisamente corte. In questa occasione, seppur con i limiti imposti dalle normative odierne, il percorso è un po' più lungo ed il ripetere tre passaggi sulle stesse speciali ci permetterà di puntare a migliorarci, ad ogni giro. Noi siamo pronti e molto felici per questo ritorno del Città di Schio.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento