Tradizione e innovazione: le scuole di ieri hanno cambiato passo

Lezioni in lingua, tecnologie informatiche, didattica anche a distanza: così si preparano i giovani al futuro

Con un mondo in continua evoluzione, che parla nuovi linguaggi ed è sempre più orientato  verso i concetti di tecnologia, sostenibilità e globalizzazione, oggi le nostre scuole si trovano a un grosso bivio: la scelta è fra rimanere ancorate alla tradizione e ai vecchi modelli di formazione e didattica, accogliendo i propri studenti in strutture ormai fatiscenti e con strumentazioni datate, oppure aprirsi al nuovo, alle tecnologie più recenti e a modalità didattiche adeguate ai tempi e che sappiano andare incontro alle reali esigenze delle generazioni più giovani. 

Il rischio per le prime, ovviamente, è quello di cadere sempre più velocemente nell’obsolescenza, allontanando poco per volta e in modo spontaneo gli studenti in cerca di modernità e di un interlocutore formativo in grado di comprendere le loro necessità. 

Adattarsi e rinnovarsi sempre: ecco come si rimane un riferimento formativo per i giovani

Alcune scuole “di ieri”, effettivamente, sono riuscite a fare questo upgrade e a cambiare decisamente passo. Una dimostrazione esemplare di questa evoluzione è l’Istituto Sacro Cuore di Modena che, nonostante sia nato ormai da più di 120 anni, continua a rimanere un punto di riferimento per i giovani modenesi in cerca di una solida formazione. Vien da chiedersi a cosa è dovuta questa capacità di riuscire ad attirare in modo costante le scelte delle generazioni più giovani. 

Ebbene, il segreto è stato proprio il sapersi adattare e rinnovare sempre a 360°: il Sacro Cuore di Modena ha recentemente ampliato e ammodernato la sua struttura, riunendo in un unico istituto tutti i servizi necessari per permettere agli studenti delle scuole medie e superiori di vivere in serenità e sicurezza i propri anni sui banchi. Ecco allora che oggi la struttura è in grado di offrire un’ampia zona esterna dedicata a diversi sport (calcio, calcetto, basket) e alla ricreazione, una palestra di danza, laboratori tecnici di fisica-chimica, informatica e d’impresa, un teatro e aule di arte e musica, oltre naturalmente alla mensa, al bar interno, alla biblioteca e alla sala ricreativa. Le aule, un’infermeria dedicata a eventuali casi di Covid e la cappella completano il complesso.

Tecnologia al servizio della didattica e della crescita personale

Sul versante tecnologico, legato più strettamente alla didattica, invece, ogni aula è stata dotata di strumentazioni innovative che hanno alzato il livello tecnologico della formazione: tablet, Lavagne Interattive Multimediali e piattaforme online per soddisfare anche le esigenze di formazione a distanza che, come sappiamo, di questi tempi è diventata una necessità fondamentale. Anche il livello dell’insegnamento è stato migliorato: l’istituto ha chiamato a sé docenti esperti non solo nella propria materia, ma che fossero avvezzi alle nuove tecnologie e alle modalità di interazione informatiche che fanno ormai parte della nostra quotidianità. 

Il risultato di una tale trasformazione progressiva e sempre attuale del luogo di studio, è la capacità di offrire a un giovane studente un ambiente molto stimolante e di qualità, in grado di amplificare le sue possibilità di trovare la propria dimensione, sviluppando sin dalle scuole medie e superiori doti di senso critico e di libero pensiero che ne aumentino consapevolezza e autonomia. I tre indirizzi superiori (liceo classico, liceo scientifico e istituto tecnico amministrativo) si distinguono proprio perché in grado di far crescere in modo nuovo i giovani, da un lato attualizzando anche le materie più classiche o comunque calandole nelle future problematiche lavorative, e dall’altro, potenziando, con approfondimenti e lezioni aggiuntive, la conoscenza delle lingue straniere e del mondo del lavoro (entrambi tramite l’ottenimento di certificazioni internazionali riconosciute) oltre che dell’informatica, ambiti considerati i nuovi pilastri necessari per comprendere e vivere appieno il mondo attuale. 

Il futuro dei nostri figli parte dalle scelte del presente

Insomma, il Sacro Cuore di Modena è una scuola paritaria che affonda le proprie radici in un’esperienza secolare, ma che allo stesso tempo ha saputo cambiare marcia, aprendosi all’innovazione e alle istanze delle nuove generazioni di studenti, puntando più di un occhio al futuro. Perché il futuro, ieri come oggi, sono proprio loro, i nostri giovani.

E allora, l’Istituto Sacro Cuore di Modena attende tutti gli interessati all’Open Day in viale Storchi 249. Prenotando una visita in totale sicurezza i genitori dei ragazzi avranno la possibilità di vedere con i propri occhi da dove parte la strada che conduce al futuro dei propri figli.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Bonaccini annuncia: "Torneremo zona gialla, ma fra una settimana"

  • Nuova ordinanza regionale, riaprono i negozi di piccole e medie dimensioni

  • Coronavirus, casi stabili in regione. A Modena un nuovo picco

Torna su
ModenaToday è in caricamento