M5S. I deputati 5 Stelle modenesi in regola con circa 360mila euro versati per microcredito

Sono circa 360mila gli euro versati per microcredito. Dell’Orco e Ferraresi agli altri candidati modenesi: “Ora fatelo anche voi!”

Siamo contenti di questa inchiesta giornalistica sul fondo microcredito che ci permette ancora una volta di rimarcare la differenza tra noi e loro -  Lo dichiarano i deputati candidati M5S Michele Dell’Orco e Vittorio Ferraresi a proposito del cosiddetto scandalo rendicontazioni M5S e aggiungono - La differenza tra noi e loro -concludono Dell’Orco e Ferraresi -continua insomma ad essere evidente e marcata, ossia tra un Movimento 5 Stelle che dà al Paese  e gli altri partiti che invece prendono solo. A parte le chiacchiere da bar, la realtà dei fatti che conta è che il Movimento 5 Stelle, come certificato dal Ministero delle Finanze, ha complessivamente restituito allo Stato 23 milioni di euro di cui circa 360mila euro vengono dai conti personali di Dell’Orco e Ferraresi. Ieri sera a Fiorano abbiamo mostrato i nostri estratti conto e li porteremo con noi anche stasera a Nonantola per mostrarli a cittadini e giornalisti interessati”.

“I 23 milioni di euro restituiti dal Movimento 5 Stelle –spiegano i pentastellati- contribuiscono da qualche anno a sostenere e aprire piccole attività in tutta Italia. Parliamo per la precisione di quasi 11 milioni di euro che sono arrivati in Emilia Romagna e che hanno sostenuto 520 microimprese di cui ben 124 localizzate in provincia di Modena. Ecco questa è la realtà di cui dovremmo parlare: bonifici in uscita dai conti M5S che generano sviluppo nel Paese, mentre la realtà PD – attaccano i pentastellati- è quella di bonifici in entrata sui loro conti, come quelli ricevuti da Buzzi, condannato a 19 anni di carcere, ritenuto dominus dell’associazione a delinquere Mafia Capitale. Risultano infatti bonifici per quasi 200mila euro. Buzzi ha finanziato il Pd in tutte le sue diramazioni, dalla federazione romana, alle associazioni, fino al partito centrale e alla Leopolda di Renzi. Proprio Renzi aveva detto che avrebbero restituito i soldi ricevuti dalle cooperative di Buzzi. Ma in merito non ci sono notizie”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Concludono Dell’Orco e Ferraresi: “Chiediamo ai  candidati nel modenese di dimostrare concretamente ai cittadini da che parte vogliono stare: se vogliono stare dalla parte di chi prende o di chi dona ai cittadini. Ci aspettiamo che almeno De Vincenti, Lorenzin e Sgarbi, che hanno o hanno avuto un ruolo di Governo o in Parlamento, come pure Richetti, Pini, Vaccari e tutti gli altri parlamentari uscenti ricandidati a Modena, restituiscano una quota degli emolumenti pubblici che ricevono mensilmente versandola a favore del microcredito. Questo è l'IBAN: IT61Z0100003245348018369300. Aspettiamo la ricevuta del bonifico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento