rotate-mobile
Politica Cavezzo

Cavezzo: dopo il campanile pericolante, ecco il rischio amianto

Non conosce pace il piccolo centro della Bassa colpito dai danni infilitti dal sisma: la torre campanilaria continua a minacciare il centro storico e l'amianto su alcuni tetti di edifici

Non conosce requie il centro storico di Cavezzo. Nulla è cambiato a circa tre settimane dalla richiesta del Pdl-Lega Nord di abbattere il campanile pericolante che paralizza l'attività del centro storico. A evidenziarlo è Francesco Malavasi, La Destra, che, oltre ad attaccare la Giunta Draghetti per l'inazione sotto questo punto di vista, porta all'attenzione il problema amianto, già affrontato nelle scorse settimane dalla Cgil. Secondo l'esponente storaciano, è prioritaria la "grave situazione d'abbandono dei tetti coperti d'amianto danneggiati", che, stando a quanto riportato in una nota, "sono di proprietà del comune". La Giunta comunale, "dopo più di un mese mezzo dal sisma lascia i tetti danneggiati senza fare nulla proprio in vie ad alta densità abitativa e proprio dietro lo stadio". L'invito de La Destra al Sindaco Draghetti è quello di "sbrigarsi e a prendere in mano le redini del paese, perchè  tutelare il proprio paese e la cittadinanza, che si tratti d'economia o di salute pubblica, è un obbligo proprio del sindaco".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavezzo: dopo il campanile pericolante, ecco il rischio amianto

ModenaToday è in caricamento