menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Degrado all'ex Amcm, l'amianto sarà rimosso fra quattro mesi

L'assessore Arletti ha risposto in Consiglio comunale all'interrogazione di Ricci (Sel): il 20 maggio prossimo ditte specializzate interverranno per la rimozione e la messa in sicurezza dei materiali presenti nell'area

La rimozione dei materiali e delle strutture all’ex Amcm avrà inizio entro il prossimo 20 maggio, a conclusione delle procedure tecniche necessarie per l’impegno delle somme, dopo la variazione di bilancio, e l’espletamento delle procedure di aggiudicazione. Le prime opere che verranno eseguite saranno quelle relative al trattamento delle lastre con vernice a protezione: entro la fine del mese di maggio, quindi, i materiali contenenti amianto saranno posti in sicurezza, per poi essere accatastati e successivamente smaltiti.

Lo ha comunicato l’assessore all’Ambiente del Comune di Modena Simona Arletti, nella seduta del Consiglio comunale di giovedì 16 gennaio, rispondendo all’interrogazione del capogruppo di Sel Federico Ricci sulla rimozione dell’amianto nell’area dell’ex sede AmcmIl consigliere ha chiesto in particolare quali garanzie ci sono che, in questo momento e in precedenza, non sia posta in condizione di rischio la salute dei cittadini che frequentano l’area e che l’intervento di rimozione già deliberato dalla Giunta, con previsione di primavera 2014, sia effettivamente e tempestivamente attuato.

L’assessore Arletti ha precisato che l’Ausl ha effettuato un sopralluogo il 7 settembre 2011, “segnalando, relativamente alle coperture contenenti amianto, uno stato di usura modesto, che non rendeva necessarie ulteriori azioni urgenti se non il rispetto dei controlli previsti in materia di amianto. A novembre 2013 – ha spiegato ancora – l’Ausl ha chiesto di fare le necessarie verifiche per determinare la presenza di fibre di amianto e di procedere a una eventuale bonifica. Pur non essendosi verificate ulteriori situazioni di degrado rispetto a quanto determinato con l’ispezione del 2011 e in considerazione della tempistica sul possibile intervento edilizio-urbanistico nell’area – ha concluso Arletti – a dicembre l’Amministrazione ha deciso di intervenire comunque con la definitiva soluzione della rimozione di materiali e strutture”.

Nella replica, il consigliere Ricci ha espresso soddisfazione per la programmazione dell’intervento per il 20 maggio, “lavori che richiedono ovviamente grande attenzione ma che saranno curati da aziende specializzate che sapranno come effettuare la rimozione in sicurezza. Sarò ancora più soddisfatto – ha concluso – quando verrà conclusa l’opera”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ufficiale, l'Emilia-Romagna torna in zona arancione da lunedì

Attualità

Zona arancione, cosa cambia da lunedì 12 aprile a Modena

Attualità

Focolaio covid all'Ospedale di Sassuolo, positivi 15 pazienti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento