Comune, la maggioranza approva il bilancio. Bocciate le proposte delle opposizioni

La manovra fiscale resta invariata rispetto alle previsione e la spesa sale di 5 milioni anche per questioni legate all'emergenza sanitaria

E' stato approvato oggi pomeriggio in un consiglio comunale in videoconferenza il bilancio preventivo 2020-2022, che prevede investimenti per 132 milioni di euro nel triennio, con 50 milioni di autofinanziamento, e una spesa corrente che nel 2020 si assesta intorno ai 245 milioni di euro, con un aumento di oltre 5 milioni rispetto alla proposta iniziale a causa degli emendamenti tecnici definiti nelle ultime settimane, anche in seguito a una prima valutazione delle conseguenze dell’emergenza in corso .

Il bilancio, insieme al Documento unico di programmazione, è stato approvato con il voto della maggioranza (Pd, Sinistra per Modena, Verdi, Modena civica) al termine di una seduta di circa quattro ore che si è svolta con la presenza di alcuni consiglieri in aula e di altri collegati in teleconferenza. Hanno votato contro i gruppi delle minoranze: Movimento 5 stelle, Lega Modena, Fratelli d’Italia-Popolo della Famiglia e Forza Italia.

Il bilancio comprende anche una manovra fiscale con la quale si tiene conto, a parità di gettito per il Comune, dell’unificazione dei tributi Imu-Tasi in un’unica imposizione (la cosiddetta “nuova Imu”), con il ritocco per alcune aliquote, mentre per l’Irpef la rimodulazione delle addizionali consentirà nelle previsioni di ottenere 1,8 milioni di entrate in più: non si tocca lo scaglione di reddito più basso, fino a 15 mila euro, e si alzano progressivamente gli scaglioni superiori. Le tariffe dei servizi a domanda individuale rimangono bloccate, ma si conferma la riduzione delle rette dei nidi sulla base del provvedimento della Regione, e anche la Tari in questa fase è invariata. 

Nessuno dei quattro emendamenti al bilancio proposti dalla Lega ha ottenuto il via libera dal Consiglio, sono stati votati solo da una parte dei gruppi di minoranza (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Popolo della Famiglia), mentre sono stati approvati tutti gli emendamenti tecnici proposti dal sindaco.

Le proposte della Lega puntavano ad aumentare la dotazione per la sicurezza urbana (80 mila euro in più togliendoli dall’area Sport e tempo libero), la protezione civile (7 mila euro in più ricavandoli da risparmi nell’area Sociale), il diritto alla studio (25 mila euro sempre ricavati dall’area Sociale) e il sostegno alle famiglie con 100 mila euro ricavati riducendo di 70 mila euro il fondo per la Programmazione delle rete dei servizi sociosanitari e sociali e di 30 mila euro quello per Sport e tempo libero.

Quattro anche gli emendamenti tecnici proposti dal sindaco modificando la programmazione degli acquisti e prevedendo risorse sulla base di esigenze sopravvenute, correggendo alcuni errori materiali, cambiando voci di entrate e uscite in ragione della reimputazione di contributi non ancora impegnati, inserendo la possibilità di applicazione dell’avanzo vincolato sulla base delle nuove esigenze.

Oltre agli emendamenti (approvati quelli tecnici proposti dal sindaco, respinti i quattro di Lega Modena), il Consiglio ha discusso 13 ordini del giorno proposti dai diversi gruppi. Sono stati approvati quelli proposti dai gruppi di maggioranza e relativi al welfare comunale, al sostegno di imprese e famiglie, al rilancio del sistema educativo per l’emergenza, ai servizi aggiuntivi per i bambini in luglio, al diritto alla casa, al patrimonio culturale, al rilancio dell’economia e del lavoro con un tavolo permanente con le parti sociali. Approvata anche una proposta del Movimento 5 Stelle per la realizzazione di un sottopasso o cavalcavia ciclabile all’altezza del cavalcavia Mazzoni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Respinti, invece, gli altri cinque documenti: un altro del Movimento 5 Stelle (fondi a sostegno di imprese e famiglie), due della Lega (sostegno a imprese e famiglie, sospensione dell’aumento dell’addizionale Irpef, misure per la natalità) e due di Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia (sospensione aumento dell’addizionale Irpee e sostegno a madri lavoratrici).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion e autocisterna si scontrano e prendono fuoco, una vittima in Autosole

  • Accademia Militare, per la prima volta una donna è la più meritevole fra gli Allievi

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Test sierologici gratuiti in farmacia, è necessario prenotare

  • Contagi, 81 nel modenese. Due decessi e due ingressi in Terapia Intensiva

  • Scuole, contagi in altre 21 classi. Cinque finiscono in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento