Polisportive, finanziati i progetti di riqualificazione e sicurezza

Si è chiuso il bando del Comune di Modena per migliorare gli impianti sportivi in diritto di superficie e concessione patrimoniale. La graduatoria rimane aperta. Il contributo complessivo di oltre 26 mila euro stanziato dal Comune nell’ambito delle politiche per la sicurezza urbana. Finanziate tutte le domande ammissibili

Interventi per messa a norma e sicurezza, lavori per migliorare l’accessibilità e la funzionalità delle strutture sportive ma anche ristrutturazioni degli edifici e degli impianti, senza tralasciare l’efficientamento energetico. Sono questi i principali interventi che saranno realizzati entro il 2016 grazie al fondo di 350mila euro stanziato dal Comune di Modena attraverso un bando per progetti di qualificazione e miglioramento degli impianti comunali in uso alle associazioni sportive e alle polisportive modenesi la cui istruttoria si è chiusa il 12 febbraio. Sono nove i progetti che riceveranno il co-finanziamento per un investimento complessivo previsto di circa 555mila euro.

A beneficiare del finanziamento sono le polisportive Sacca, San Faustino, 87 & Gino Pini, Cognentese, Corassori, Modena est, l’associazione sportiva La Fratellanza, la polisportiva Villa d’Oro, l’associazione sportiva Union 81 Portile. In totale sono stati 24 i progetti presentati, due sono stati esclusi per la mancanza del requisito di iscrizione all’Albo comunale delle forme associative, come espressamente richiesto dal bando, mente gli altri 11 progetti rimangono in graduatoria. Come spiega l’assessore allo Sport Giulio Guerzoni, infatti, “la Giunta ha già previsto un nuovo stanziamento di 350 mila euro anche sul Bilancio del 2016 sempre con lo stesso obiettivo. Tutti i 22 progetti presentati hanno grande qualità e quindi il nostro intento è di mantenere in essere la graduatoria e rifinanziarla. Sono cifre contenute ma abbiamo ripreso una buona consuetudine che si era interrotta dal 2010 e manteniamo l’impegno politico di sostenere lo sport di base e il volontariato sportivo invertendo la tendenza imposta dalla crisi economica agli enti locali negli ultimi sette anni”.

Sono dieci, invece, i progetti per installare o potenziare i sistemi di sicurezza delle Polisportive modenesi che saranno co-finanziati con un contributo complessivo di 26 mila 225 euro a seguito del bando promosso dal Comune di Modena per la “Concessione di contributi a fondo perduto per l’installazione di impianti e sistemi di difesa passiva mirati alla prevenzione di fatti criminosi”. Il finanziamento, che rientrava nel Bilancio 2015, è stato previsto nell’ambito delle politiche di sicurezza urbana e, in particolare, delle attività volte alla prevenzione dei reati per favorire l’adozione di mezzi di difesa passiva.

A beneficiare del contributo saranno le polisportive San Faustino, Gino Nasi, 4Ville, San Damaso, Madonnina, Sacca, Villa d’Oro, Modena est, San Donnino e Circolo sportivo Sirenella. Una sola domanda è stata esclusa perché il richiedente non è una polisportiva, come era espressamente richiesto dal bando. I progetti approvati prevedono l’installazione di sistemi di sicurezza composti da telecamere a circuito chiuso con videoregistratore digitale con memoria degli eventi e predisposti per collegamenti con istituti di vigilanza; sistemi anti intrusione con allarme acustico, anche in questo caso collegati a istituti di vigilanza; installazione di inferriate, serrande, porte di sicurezza, casseforti o armadi blindati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso il ritorno in zona gialla, "Ma evitiamo terza ondata"

  • Addio a Benny, l'imprenditore dei bar modenesi

  • Coronavirus, 2.533 nuovi positivi in regione. A Modena un nuovo picco

  • Carpi, presentata istanza di fallimento per la Arbos

  • Coronavirus, curva in flessione per la prima volta. Modena ancora al vertice

  • Contagio a Modena, 573 nuovi casi e 7 decessi. Ricoveri stabili

Torna su
ModenaToday è in caricamento