rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Politica Caduti in Guerra / Viale Martiri della Libertà, 38

Bilancio 2013, la Provincia vittima della spending review

Archiviati i fiumi di parole e il conseguente nulla di fatto sull'accorpamento con Reggio Emilia, la Provincia di Modena guarda con preoccupazione al 2013: "Tagli alla cultura, al turismo; investimenti su scuole e viabilità"

“Continueremo a garantire le attività essenziali, dalla scuola alla viabilità, riducendo o addirittura eliminandone altre: dalla cultura al turismo, dal welfare all’associazionismo”. E ancora “Cala di quasi un milione la spesa per il personale, azzerato il fondo di ammortamento, ridotta ulteriormente del 15 per cento la spesa di sviluppo a disposizione degli assessorati – pari 3.2 milioni di euro, contro il 10.7 del 2005 -  mentre le spese di investimento rispetto al bilancio precedente calano del 60 per cento nella loro articolazione triennale”.

Sono alcuni dati inerenti al bilancio preventivo che la Provincia di Modena si appresta a varare presentati dal presidente Emilio Sabattini. Un bilancio da 121 milioni di euro, al voto 23 gennaio 2013. “E’ una manovra – spiega il presidente Emilio Sabattini – che a causa dell’ulteriore inasprimento del patto di stabilità e dei tagli della spending review ci costringe ad azzerare molte delle politiche dell’ente. In un quadro di grande incertezza a causa del percorso incompiuto di riordino degli enti locali – aggiunge il presidente – restano in capo alla Provincia tutte le funzioni che abbiamo sempre svolto, senza però avere le risorse economiche necessarie. Ragion per cui continueremo a garantire le attività essenziali, dalla scuola alla viabilità, riducendo o addirittura eliminandone altre: dalla cultura al turismo, dal welfare all’associazionismo. Nemmeno questo però rischia di essere sufficiente. Nel 2012 abbiamo liquidato oltre 31 milioni di euro per spese di investimento nei termini contrattuali di 45-60 giorni.  Nel 2013, a causa del patto di stabilità, potremmo essere costretti ad allungare i tempi di pagamento ai fornitori”. “Fino al 2011, cioè prima del federalismo – spiega l’assessore al Bilancio Marcella Valentini – la Provincia incassava dall’addizionale sull’energia elettrica oltre 13 milioni di euro e ne restituiva meno di 6 allo Stato. Per il 2013 non incasserà nulla dalla soppressa addizionale, né dal Fondo di riequilibrio che avrebbe dovuto sostituirla, ma dovrà restituire allo Stato 8 milioni di euro. Ed è da queste cifre che si è dovuti partire per impostare il bilancio”.

Saranno garantiti, invece, i lavori di manutenzioni straordinarie e la ricostruzione delle scuole iniziato quest’anno (oltre 8 milioni di euro) , la viabilità e sicurezza stradale, con 9 milioni di euro. “Ulteriori investimenti – conclude Sabattini – dovranno necessariamente basarsi su fonti “spot” esterne di finanziamento, come i rimborsi della Regione sulla ricostruzione o contributi di privati, oppure sulle alienazioni di nostri beni quali la caserma Fanti o altri edifici e  terreni di proprietà”.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bilancio 2013, la Provincia vittima della spending review

ModenaToday è in caricamento