menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bocciata commissione d'inchiesta sulle coop dopo il caso Caleidos, duro scontro in Regione

L'azzurro Andrea Galli attacca sui rapporti coop-centrosinistra, Boschini (Pd) e Taruffi (Si): "Basta diffamazioni, ci riserviamo di valutare le sue parole"

Finisce con la bocciatura secca della maggioranza di centrosinistra (27 no e 13 sì) dopo un duro scontro (che potrebbe proseguire sul piano giudiziario) la proposta di istituire una commissione assembleare d'inchiesta che si occupi di fare chiarezza e valutare l'attività delle cooperative che in questi ultimi anni si sono occupate dell'accoglienza dei richiedenti asilo. La richiesta, avanzata in Aula da Andrea Galli di Forza Italia, era basata su una notizia di cronaca modenese delle ultime settimane. La cooperativa Caleidos è infatti chiamata in contenzioso dalla società immobiliare Hyma srl per presunti canoni di affitto non pagati. Hyma aveva affittato alla cooperativa un immobile in via delle Costellazioni, a Modena, in grado di accogliere continuativamente oltre 200 richiedenti asilo. E oggi lamenta per via giudiziaria di non essere stata pagata dalla Caleidos per circa 2 milioni di euro. D'accordo sulla proposta azzurra anche Giulia Gibertoni dei Cinque stelle: "Siamo per la cooperazione allo sviluppo, non per lo sviluppo della cooperazione".

Netto il no alla proposta del dem Giuseppe Boschini: "E' un contenzioso civilistico tra privati, senza valenza regionale come dispone l'articolo 40 dello Statuto regionale riguardo l'istituzione di commissioni d'inchiesta. Peraltro anche il Pd non ha nessun motivo statutario per stare dalla parte di una forma aziendale piuttosto di un'altra. Qualcuno ha interesse a trasformare l'accoglienza in un campo di battaglia perché se l'accoglienza funziona toglie quelle paure che portano voti". Galli controreplica per le rime. Parla di "menzogne", "malafede" e rivolto alla maggioranza afferma: "Vi siete ingrassati". 

Numerosi consiglieri dem sfidano Galli a ripetersi per valutare il profilo delle sue parole. Alla ripresa pomeridiana della seduta Boschini conferma di aver udito "cose molto serie che mi riservo di valutare. Non siamo al bar, siamo in un'istituzione". Galli precisa che col termine "ingrassare" si riferiva ai "vantaggi politici" derivanti da quella che per il consigliere azzurro è la "vicinanza" tra centrosinistra e mondo cooperativo: "E' evidente che Boschini non si è ingrassato di denaro". L'ultimo intervento è di Igor Taruffi di Sinistra italiana, per il quale il consigliere azzurro concorre a "una campagna di diffamazione sull'accoglienza". Se Galli ha "pezze d'appoggio" a sostegno di quanto afferma "ha il dovere di procedere". Altrimenti bisogna fermare "illazioni e accuse" e per "rispetto all'onorabilità di questa Aula" sarà necessario discutere in altre sedi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento