menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Isabella Bertolini ai tempi di Forza Italia

Isabella Bertolini ai tempi di Forza Italia

Camorra nel Pdl, Bertolini: "Aimi sbaglia a minimizzare la questione"

Botta e risposta tra il vicepresidente del consiglio regionale e la coordinatrice uscente che rilancia: "Anziché chiedere un'accurata verifica delle tessere discutibili, Aimi tenta di minimizzare"

Sono letteralmente cascate le braccia a Isabella Bertolini nel prendere atto della replica di Enrico Aimi: il vicepresidente del Consiglio Regionale aveva invitato la fedelissima berlusconiana a rivolgersi alla Procura della Repubblica e denunciare i "nomi" scomodi presenti fra i nuovi tesserati, presente inquientanti anticipate dalla stesa Bertolini sul sito internet Linkiesta.

ATTEGGIAMENTO PREOCCUPANTE - "È veramente preoccupante l’atteggiamento del Vicecoordinatore Vicario uscente e candidato del Pdl, Enrico Aimi - ha esordito la Bertoli ni - Al posto che chiedere una accurata verifica delle tessere discutibili, non fa altro che tentare di minimizzare la questione. Eppure la pulizia dentro i partiti dovrebbe stare a cuore anche a lui. Ci sarebbe da chiedersi come mai. Di fronte a delle anomalie è un mio preciso dovere segnalare la questione al partito a Roma. E’ quello che ho fatto. Mi aspetto una presa di posizione".

PULIZIA - La Bertolini invita Aimi a guardare più in alto, a portare l'occhio oltre la mera bagarre congressuale fra liste concorrenti :"Forse Aimi non ha capito che la posta in gioco è ben più importante di chi vince o perde un congresso locale di partito - ha detto la vicepresidente dei deputati Pdl - Mi permetto di dire che è in ballo la stessa essenza delle regole democratiche. Questioni che certamente non interessano ad Aimi ed ai suoi alleati. Noi invece pretendiamo una politica pulita e ci chiediamo come mai accadano episodi del genere. A differenza di Aimi non mettiamo la testa sotto la sabbia, perché è più comodo o più facile, o torna più utile. Proprio per questo siamo tra coloro che chiedono un codice etico per il nostro partito. Vogliamo che a fare politica siano persone perbene e che nel Pdl non vi siano personaggi equivoci. Ma abbiamo capito perfettamente che al candidato Aimi la cosa non interessa".

BATTUTACCIA - Fuori luogo, inoltre, certe esternazioni da parte del vicepresidente del Consiglio Regionale: "Sottolineo, infine, il cattivo gusto di Aimi nel citare la 'comprovata razza ariana', a pochi giorni dalla tragica ricorrenza della giornata della memoria. Aimi sa perfettamente che non appartengo a quella storia politica, che invece altri, che forse lui conosce, hanno percorso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagi, 98 casi nel modenese. Sei ricoveri e due decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento