rotate-mobile
Politica

Sen. Vaccari (Pd): “Usiamo i cassintegrati per la manutenzione”

La difesa e la manutenzione del territorio ha bisogno di lavoro costante: perché non impiegare gli agricoltori e i cassintegrati in compiti di salvaguardia ambientale? E’ questa una delle proposte contenute nella mozione per il contrasto del dissesto idrogeologico depositata oggi in Senato

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Bisogna ridisegnare tutto il sistema di protezione e manutenzione del territorio e dei corsi d’acqua, coinvolgendo attivamente la popolazione, lavorando sulla prevenzione piuttosto che sulla gestione dell’emergenza, predisponendo le risorse necessarie per pianificare gli interventi e per compensare i servizi ambientali che la categoria degli agricoltori potrebbe fornire a salvaguardia di quello che è un bene collettivo. Il senatore modenese Pd Stefano Vaccari è uno dei promotori, assieme al capogruppo Pd in Senato Luigi Zanda, di una mozione che impegna il Governo a intervenire per contrastare il dissesto idrogeologico, una delle piaghe, come dimostrano gli ingenti danni causati dal maltempo delle ultime settimane sul nostro Appennino, che devastano il territorio del nostro Paese. Fino ad ora ci si è mossi, quasi sempre, sull’onda dell’ennesima emergenza prevedendo, perlopiù, interventi tampone, ex post, sempre più costosi e spesso sostanzialmente inefficaci. Innanzitutto, dice il senatore Pd Stefano Vaccari, “mai più nuovi condoni edilizi” e l’”adozione di politiche che riconoscano il valore strategico dell’agricoltura come presidio e strumento di manutenzione ordinaria del territorio”. E poi ancora l’”eliminazione di sovrapposizioni e incongruenze nel sistema di responsabilità e competenze”, la “predisposizione di una strategia nazionale per la riqualificazione ecologica dei fiumi”, “la possibilità data al sistema della protezione civile di operare in modo tempestivo ed efficace nel campo del contrasto ai danni provocati dal dissesto idrogeologico”. Tutto questo però può diventare realtà solo e se gli amministratori potranno contare su risorse certe: occorre, infatti, dice Vaccari “individuare un meccanismo finanziario in grado di generare risorse certe ogni anno, per finanziare interventi integrati di riqualificazione fluviale, garantendo in particolare ai piani di distretto così indirizzati una disponibilità finanziaria sicura, che permetta di programmare la spesa e avviare il lungo processo di ”adattamento” del territorio italiano verso condizioni di maggior naturalità e maggior sicurezza”. Tra le proposte, avanzate nella mozione, anche quella di pagare gli agricoltori per l’indispensabile servizio ambientale fornito e quello di coinvolgere in progetti di manutenzione diffusa del territorio e dei corsi d’acqua dei lavoratori che stanno beneficiando degli ammortizzatori sociali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sen. Vaccari (Pd): “Usiamo i cassintegrati per la manutenzione”

ModenaToday è in caricamento