Il commento | Emilia-Romagna 2020, la riscoperta della politica di piazza

Riportare il dibattito politico alle piazze per restituirgli quella dimensione di vicinanza alla città. La politica in Emilia-Romagna torna vicina ai cittadini

Dai social, dalla “politica per pochi” alla piazza. Se c'è una cosa che questa campagna elettorale in Emilia-Romagna ha riportato alla luce è la voglia e il sentimento di quella politica che nasce dalle piazze e dalle comunità. Un senso di appartenenza e responsabilità civica che col tempo si era affievolito, sopito ma mai spento.

Le elezioni in Emilia-Romagna hanno mostrato come il dibattito politico si possa facilmente spostare dal mondo dei social e quello televisivo a quello delle città, delle comunità e delle piazze.  Un merito di questa presa di coscienza va anche a quel movimento nato a Bologna definito “ Sardine” che ha risvegliato gli Emiliano romagnoli ormai troppo abituati a “lasciarsi  scivolare tutto”, ad assistere al dibattito politico da spettatori.   

Nel 2020 in Emilia-Romagna si è riscoperta l'emozione di essere protagonisti di una campagna elettorale che non riguarda solo i candidati, siano essi di Destra, di Sinistra o di altri gruppi politici, ma che comprende tutti. 

La piazza come luogo di incontro (anche politico), come luogo di scambio e di confronto. Le proteste, le mobilitazioni cittadine e le manifestazioni per far valere le  proprie idee e le proprie rivendicazioni avvenivano ben oltre il mero momento elettorale.

Occorre una politica che sia vicina ai cittadini e non padrona dall’alto. La politica è nata nelle piazze coi ritrovi, coi comizi e poi è stata portata altrove con la televisione, internet e i social media. Ma in questo periodo storico di tensioni e crisi è giusto riportarla al suo luogo originale per ridarle quella vicinanza al popolo che da troppi anni stava perdendo.

Ultima conferma di ciò il ritrovo a Modena, per festeggiare la vittoria di Stefano Bonaccini ,tra l’altro a pochi passi dalla celebre pietra Ringadora su cui chiunque in passato poteva salire per fare comizi ed esprimere opinioni appunto davanti alla piazza. Una politica in cui hanno vinto i cittadini, tutti, che hanno preso in mano la situazione e si sono mobilitati in prima persona per le proprie idee. Una piazza Grande colma di bandiere, di giovani e di cittadini di ogni età. Un senso di festa e di comunità dove vince l'inclusione e la convivenza reciproca. Un'Emilia-Romagna che continua a battere e ad essere il cuore rosso dell'Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa dopo la scuola, ritrovata a Pavia la 16enne di Sassuolo

  • Covid, positività in 13 scuole modenesi. Nuovo caso al "Fermi"

  • L'auto si schianta contro una casa, 20enne muore sul colpo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Contagio, 12 casi nel modenese. Nessun rientro dall'estero

  • Investe un ciclista e fugge, caccia ad un'auto-pirata a Vignola

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento