Politica

Congressi Pdl, Barcaiuolo: "Riformattiamo il partito, uniti per vincere"

Il consigliere comunale 33enne lancia la sua squadra, un mix di giovani promesse del centrodestra e amministratori di esperienza: capolista il Sindaco di Sassuolo Luca Caselli

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Michele Barcaiuolo annuncia la propria candidatuta al congresso provinciale, insieme a Rosanna Righini, candidata vicaria. Il sindaco Caselli sarà capolista. A sostenerli una lista giovane che rappresenta le esperienze vincenti del centrodestra modenese, per un “rinnovamento concreto nel segno della buona politica, basata sulla partecipazione, l'etica e la trasparenza”. Da Roma arriva anche l'in bocca al lupo di Giorgia Meloni.

CONTRAPPOSIZIONI - A meno di una settimana dal primo congresso provinciale del Popolo della Libertà, sono ormai definitivamente chiare le forze in campo che concorreranno al posto di coordinatore. Dopo Aimi e Severi, anche Michele Barcaiuolo, avvocato di 33 anni e consigliere comunale a Modena ufficializza la propria candidatura. A sostenerlo una lista di candidati guidata dal sindaco di Sassuolo Luca Caselli e composta di amministratori locali e giovani, che si pone come la reale alternativa ai due vecchi blocchi che hanno finora animato il PdL e le formazioni politiche preesiestenti. “Per superare le vecchie contrapposizioni e le nostalgie dei partiti di provenienza – spiega proprio barcaiuolo – abbiamo deciso di porci come soggetto innovatore, riunendo intorno ad un chiaro progetto culturale e di governo, persone provenienti da esperienze diverse. Ne è un chiaro esempio Rossanna Righini, candidata coordinatrice vicaria, che contribuirà con la sua ottima esperienza amministrativa e i buoni risultati conseguiti a Castelfranco, dove è consigliere comunale.

LA LISTA – A sostenere Michele Barcaiuolo e Rosanna Righini vi è una lista di 15 nomi, che rappresentano diverse esperienze eccellenti nel panorama del centrodestra in tutta la provincia. Insieme al primo cittadino Luca Caselli, vi sono 5 amministratori sassolesi a testimoniare uno dei più grandi successi locali del PdL, che con Caselli e la sua Giunta governa in modo ineccepibile uno dei comuni più importanti. Si tratta dell'assessore al bilancio Paolo Vincenzi (storico esponente di Forza Italia a Sassuolo) e dei consiglieri Biagio Antonio Santomauro, Claudio Corrado, Camilla Nizzoli e Francesco Macchioni. Nel segno del governo del territorio vi è anche la candidatura di Roberto Ricco, presidente della Circoscrizione Centro Storico di Modena e del movimento giovanile, impegnato quotidianamente a contrastare l'egemonia culturale della sinistra nella rossa Modena e l'operato deleterio della giunta Pighi. Insieme a Ricco anche altri giovani amministratori, tra cui Antonio Russo, consigliere comunale di Carpi che ha raccolto intorno a sé grande consenso interpretando nel migliore dei modi la politica di presenza sul territorio e l'ascolto dei problemi dei cittadini insieme ai tanti ragazzi della "Giovane Italia " di Carpi. Con lui Gianluca Vignocchi, giovane dirigente del PdL di Pavullo nel Frignano. Il costante attivismo sul territorio è un valore inderogabile che contraddistingue l'esperienza di tutti i candidati a sostengo di Barcaiuolo e uno dei pilastri della loro proposta politica. Tra i candidati troviamo anche altri amministratori, come Willy Uberti, consigliere comunale a Campogalliano, Francesco Baraldi, capogruppo PdL nella Circoscrizione 2 di Modena e Guglielmo Gibertini, giovane consigliere d'amministrazione dell'Università di Modena e Reggio Emilia. A questi nomi si aggiungono quelli di un giovane professionista come l'avvocato Canio Iungano di Concordia s/s, di Simona Tintorri, storica consigliera comunale di Sestola e di una rappresentante del mondo cattolico come la dott.ssa Lucia Rolando.

INNOVAZIONE - “Crediamo che il Popolo della Libertà modenese debba risollevarsi in fretta dall'inerzia nel quale è caduto – spiegano Barcaiuolo e i suoi candidati – puntando senza inibizioni a diventare alternativa di governo alla sinistra. Progettare questo rinnovamento significa mettere da parte gli interessi personali e le proprie rendite di posizione, per costruire un partito solido che si basi sul radicamento territoriale e su una cultura politica forte e contagiosa. Un partito che faccia dell'etica e della trasparenza un tratto irrinunciabile, valorizzando la partecipazione di tutti i suoi sostenitori ed elettori”. “Ogni territorio è chiamato a dare il proprio contributo ad un progetto irrinunciabile che confermi il Pdl come partito maggioritario nel Paese. Un partito solido e forte a livello locale è condizione necessaria affinchè anche a livello nazionale il PdL rimanga forza di governo, baluardo del bipolarismo, contro logiche di grandi alleanze di palazzo, come quelle che vengono talvolta presentate dalla stampa, e contro soluzioni antidemocratiche come quella del governo Monti, che mai avremmo voluto appoggiare. Alla bufera antipolitica che ci sta investendo – conclude Barcaiuolo – dobbiamo rispondere con toni decisi e scelte limpide, con una proposta chiara che si fondi sull'impegno quotidiano, il merito e la rappresentatività”.

GIORGIA MELONI - La lista avrebbe dovuto essere presentata oggi alla presenza di Giorgia Meloni, ma l'ex ministro ha dovuto rinunciare a causa della neve che sta fermando i treni dalla capitale. Ha comunque mandato un messaggio nel quale si legge: "Ne approfitto per fare un grande in bocca al lupo a Michele e a tutti voi per il congresso di sabato. La scelta di misurarsi direttamente con il consenso vi fa onore e merita tutto il mio appoggio. Sarei stata felice di partecipare alla presentazione della lista, sappiate che faccio il tifo per voi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Congressi Pdl, Barcaiuolo: "Riformattiamo il partito, uniti per vincere"

ModenaToday è in caricamento