Politica

Consumo del suolo. Reggianini sui dati dell'Ispra: "Futuro saldo zero"

Sul tema del consumo del suolo Reggianini parla necessità di invertire questa tendenza: "I Comuni e la Provincia nei loro strumenti urbanistici hanno introdotto da diversi anni criteri innovativi e stringenti per frenare il consumo di suolo"

"Sul tema del consumo del suolo - afferma Stefano Reggianini, consigliere delegato alla Pianificazione territoriale della Provincia di Modena, a proposito dei dati Ispra sul consumo del suolo in Italia pubblicati nei giorni scorsi - siamo consapevoli da tempo sulla necessità di invertire questa tendenza. I Comuni e la Provincia nei loro strumenti urbanistici hanno introdotto da diversi anni criteri innovativi e stringenti per frenare il consumo di suolo e rendere le nostre città ancora più inclusive. Criteri che ora trovano una sintesi ancora più forte nella nuova legge urbanistica della Regione Emilia Romagna che fissa come primo obiettivo lo stop all’espansione urbanistica in nome del consumo di suolo a saldo zero, favorendo la tutela del territorio agricolo, la rigenerazione urbana e la riqualificazione degli edifici."

"La legge regionale - aggiunge Reggianini - indica le strategie per gli strumenti urbanistici comunali dei prossimi anni, fissando un tetto alle espansioni per ogni Comune e prevedendo risorse importanti sulla rigenerazione urbana, oltre alla messa in sicurezza sismica, allo scopo di garantire uno sviluppo equilibrato. Questa è per noi amministratori la strada giusta da perseguire con responsabilità e convinzione. Una pianificazione corretta e più rispettosa dell'ambiente si coniuga anche con una maggiore semplificazione delle procedure, prevista nella legge, per rendere più attrattivi i territori dal punto di vista dello sviluppo economico, perché non c'è contraddizione tra sviluppo e ambiente, se lo sviluppo è di qualità e innovativo."

Per la rigenerazione urbana saranno a disposizione finanziamenti per 30 milioni di euro; previsto anche il taglio degli strumenti urbanistici attuali dei Comuni che saranno compresi in un unico Piano urbanistico generale. Dai dati Ispra emerge che, nel periodo compreso tra novembre 2015 e maggio 2016, le nuove coperture artificiali nella provincia di Modena hanno riguardato 56 ettari di territorio pari allo 0,18 per cento (306 ettari a livello regionale). In provincia di Modena, dai dati relativi al 2016 le coperture artificiali riguardano complessivamente l'11,66 per cento del suolo, pari a 31.349 ettari utilizzati (nel 2012 i dati sempre dell'Ispra relativi a Modena,  erano 24.167 ettari utilizzati pari al nove per cento del territorio)   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consumo del suolo. Reggianini sui dati dell'Ispra: "Futuro saldo zero"

ModenaToday è in caricamento