Peep di Cittanova, il Comune chiede un "passo avanti" alle parti coinvolte

L’assessora Vandelli invita alla conciliazione: “Non si rallenti il percorso: serve valutazione del tecnico nominato dalle famiglie, poi in Consiglio la modifica della convenzione”. Presenti in Consiglio anche alcuni promissari acquirenti

Sono diversi i consiglieri comunali intervenuti nel dibattito che è scaturito dalla trasformazione in interpellanza dell’interrogazione dei consiglieri. Durante la discussione in Consiglio erano presenti anche alcuni promissari acquirenti coinvolti nella vicenda.

Enrica Manenti del M5s è intervenuta portando ad esempio anche la palazzina del cohousing di via Divisione Acqui e sottolineando che “non sono stati rimessi a punto i rapporti tra Amministrazione e società assegnataria, quando in ballo c’è l’interesse pubblico in quanto è un’area peep, gli acquirenti hanno specifiche caratteristiche sociali, e i problemi ricadono comunque sull’Amministrazione, che ha però limitati poteri”. Per Giovanni Silingardi la questione prioritaria è mettere le famiglie coinvolte nella condizione “di entrare in possesso di quello che devono avere, così come successo per via Divisione Acqui, e su questo c’è massima disponibilità da parte del Consiglio comunale. Già due episodi in pochi anni non ci danno lustro – ha aggiunto – e, anche se il Comune non è l’Ispettorato, la necessità è quella di intensificare i controlli a campione. Forse, poi, nel bando si poteva fare qualcosa per definire meglio la scelta dei soggetti attuatori”.

Vincenzo Walter Stella di Sinistra per Modena ha detto di “riconoscere la buona fede dell’Amministrazione, ma ogni volta che ci sono situazioni con accordi elusi e, in qualche caso, vere e proprie truffe prendo atto che il Comune ha difettato nel controllo. Serve un maggiore controllo del rispetto delle regole e dei tempi – ha aggiunto – per evitare che casi come questi mettano in crisi decine di famiglie che impegnano i risparmi di una vita e vedono infrangere i propri sogni”.

Katia Parisi di Modena civica ha espresso solidarietà “ai cittadini che stanno vivendo questa situazione complicata. Riteniamo ci sia l’immediata necessità di istituire un tavolo di confronto – ha aggiunto – per permettere alle famiglie di prendere possesso di questi alloggi il prima possibile. Come gruppo ci prendiamo l’impegno a partecipare a tutte le azioni che l’Amministrazione deciderà di portare avanti”.

Antonio Baldini della Lega nord ha fatto riferimento alle opzioni previste nel regolamento di decadenza del diritto di superficie, risoluzione o sanzione pecuniaria per ogni giorno di ritardo. “La consegna dei dodici appartamenti doveva avvenire nel marzo del 2019, mi pare quindi ci possano essere le condizioni per un’ipotesi di decadenza del diritto di superficie. Il commissariamento della cooperativa e la modifica della convenzione per la vendita al grezzo – ha chiesto – sono davvero l’unica via praticabile?”.

Nella replica, Stefano Manicardi ha ringraziato “per la risposta esaustiva e per il dibattito che dimostra l’interesse che il Consiglio ha a far sbloccare la situazione. Ringrazio l’Amministrazione– ha aggiunto – anche per la sensibilità che ha avuto nel trattare e recepire le volontà dei promissari acquirenti e dei professionisti cui si affidano. Auspico fortemente che i cinque soggetti coinvolti nella vicenda facciano i passi avanti necessari a trovare l’accordo e che sia presto possibile in quest’Aula dibattere della delibera per sbloccare la situazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In chiusura di dibattito, l’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli ha precisato che “la norma sulla dichiarazione di decadenza è stata immaginata più per i casi di inerzia nell’avvio dei lavori che per le situazioni di disequilibrio economico a cantiere in fase avanzata. La procedura di decadenza richiede dai 12 ai 18 mesi di tempo e comporterebbe un effetto paralizzante sull’Amministrazione, che dovrebbe bloccare una quota pari almeno a 2 milioni di euro sul fondo investimenti. Inoltre, si aprirebbe un contenzioso con il soggetto attuatore e anche con l’impresa costruttrice”. L’assessora, quindi, ha spiegato che, percorrendo questa strada, difficilmente si arriverebbe alla soluzione auspicata dai promissari acquirenti che rischierebbero di essere gravati di ulteriori costi. “Parliamo di una cooperativa – ha precisato – in cui i promissari acquirenti fanno parte della compagine del soggetto attuatore, un rapporto che abbiamo bisogno di tagliare il prima possibile per arrivare a una soluzione”. L’assessora ha infine espresso l’impegno dell’Amministrazione “a rivedere le regole del gioco con i soggetti attuatori, a prevedere interventi più piccoli e strumenti di partenariato pubblico-privato per il recupero di aree della città, garantendo una distinzione di ruolo tra soggetto attuatore e soggetti che acquistano, con garanzie per gli acquirenti sulle somme versate. Esprimo solidarietà alle famiglie che si trovano in questa situazione – ha concluso – perché so che la casa è un elemento che ci rende individui e toccarla significa toccare l’identità delle persone”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piatto dell'anno 2021, Massimo Bottura sperimenta e vince ancora

  • Castelvetro, motociclista si scontra con un trattore e perde la vita

  • Rapina nella villa di Luca Toni, famiglia legata e minacciata con la pistola

  • Nuovo Dpcm a breve: stop anticipato a ristoranti-bar, no al divieto di circolazione

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Coronavirus, 1.413 contagi in regione. A Modena i numeri raddoppiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ModenaToday è in caricamento