menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Frattura sul voto al referendum, si dimette il capogluppo Pd Paolo Trande

L'esponente della sinistra Pd lascia il ruolo in Consiglio Comunale: "Il mio partito ha il diritto di esprimere una linea ufficiale su un referendum, chi come me non condivide deve risolvere questo conflitto. Il segrtario Bortolamasi "Buon lavoro a Grazia Baracchi, grazie a Paolo Trande"

Il capogruppo Pd in Consiglio comunale a Modena Paolo Trande ha rassegnato le dimissioni dal ruolo e, nella serata di giovedì 29 settembre. L'esponente della sinistra Pd, capogruppo nella passata consigliatura e da due anni sotto la Giunta Muzzarelli, ha affidato ad un lungo post su Facebook le proprie ragioni, che affondano le radici nelle diverse posizioni sulla riforma costituzionale e sul voto referendario del prossimo 4 dicembre. Una scelta che era nell'aria da tempo, dopo l'inaspririsi del confronto interno ai democratici e lo strappo delle forze di sinistra.

"Sono stati poco più di 7 anni impegnativi e faticosi – ha scritto Trande - Fare il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio Comunale a Modena è stato un privilegio ed un onore di cui ringrazierò sempre i cittadini modenesi che mi hanno eletto e i consiglieri e le consigliere comunali dell’attuale e del passato mandato amministrativo. Sapevo che il ruolo di capogruppo si sarebbe giocato prevalentemente sulla continua “lotta” tra libertà e responsabilità. La libertà di quello di quello che sono e che penso. La libertà di esprimere ed adoperarsi per le cose in cui cred – continua il medico prestato alla politica – La vicenda del referendum costituzionale sottopone la mia capacità di trovare quell’equilibrio, tra libertà e responsabilità, ad una prova in cui non vedo possibilità di soluzione positiva. E la Costituzione Repubblicana, nata dalla Resistenza, non è una delibera o una decisione politica ordinaria ed è normale che sia così".

Già questa mattina è arrivata la risposta ufficiale del Partito Democratico, nella persone del segretario cittadino Andrea Bortolamasi: "Desidero anche esprimere sincero rammarico, sia dal punto di vista politico che da quello personale, per la scelta del capogruppo dimissionario: Paolo Trande ha lavorato molto e con ottimi risultati, negli anni di questa legislatura, ma anche di quella passata, in cui ha ricoperto questo ruolo. Le scelte, quando sono sia personali che dettate da ragioni politiche, vanno, innanzitutto, rispettate, ma, visti i rapporti sempre improntati a reciproca franchezza, voglio ribadire che, in accordo con il sindaco, penso ci fossero le condizioni per poter continuare il lavoro iniziato".

Nel frattempo, il gruppo consiliare del Pd modenese ha designato, all’unanimità, il nuovo capogruppo: è la consigliera Grazia Baracchi, 45 anni, insegnante, che già ricopriva il ruolo di vice-capogruppo. E viene da una esperienza analoga anche in consiglio Provinciale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia. A Modena circolazione sospesa lungo il percorso

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento