rotate-mobile
Politica Finale Emilia

"Dl Lavoro, ancora norme a favore dell’area del cratere"

Nuove norme a favore dell’area del cratere sismico sono state introdotte, grazie all’impegno del gruppo dei senatori emiliani del Pd e del senatore modenese Stefano Vaccari in particolare, nel testo del Dl Lavoro: riguardano la ricostruzione dei beni pubblici, artistici e culturali e i finanziamenti erogati dalle banche assistiti da garanzia dello Stato

Continua il lavoro certosino dei parlamentari Pd per inserire in ogni provvedimento utile le norme e i miglioramenti richiesti dalle amministrazioni locali e da chi vive e lavora nell’area del cratere sismico. Nella tarda mattinata di oggi il Senato ha dato il via libera alla conversione in legge del Dl Lavoro. Nell’ambito della discussione della nuova normativa per il rilancio dell’occupazione, l’impegno del senatore Vaccari e dei senatori Pd dell’Emilia-Romagna ha consentito di far approvare due emendamenti e di fare accogliere dal Governo due specifici ordini del giorno. Con il primo emendamento si chiarisce che non esiste un tetto oltre il quale le banche non erogano più finanziamenti  agevolati assistiti da garanzia dello Stato a favore di coloro che hanno subito danni in seguito al sisma del maggio 2012. La cifra massima stabilita coincide, infatti, con la cifra complessiva che il Governo Monti aveva stanziato per le zone colpite dal terremoto, ovvero 6 miliardi di euro che, come più volte chiarito dal commissario straordinario Vasco Errani, è, al momento, ampliamente sufficiente per coprire l’ammontare dei danni. Il secondo emendamento riguarda i danni subiti dal patrimonio artistico e culturale. Nella normativa sulla ricostruzione vengono inseriti due aspetti: innanzitutto viene sancito che tra i soggetti coinvolti nella pianificazione di quanto si dovrà attuare ci sono anche gli enti ecclesiastici e, poi, si stabilisce uno snellimento nelle procedure per la riparazione e la ricostruzione delle opere pubbliche e dei beni culturali e artistici danneggiati. Si è deciso, infatti, un abbassamento della soglia prevista dal codice dei contratti per l’affidamento degli incarichi di servizi tecnici per la progettazione, il coordinamento sicurezza e la direzione dei lavori: gli incarichi potranno essere affidati con il solo obbligo di una gara fra almeno dieci concorrenti scelti da un elenco di professionisti e sulla base del principio di rotazione degli incarichi. Le agevolazioni per la ristrutturazione dei condomini e le multiproprietà dei centri storici e la norma sull’accatastamento dei fabbricati rurali erano, invece, contenute in due specifici ordini del giorno accolti dal Governo che si è impegnato ad inserirle nei prossimi provvedimenti utili. “Il testo licenziato dal Senato – spiega il senatore modenese del Pd Stefano Vaccari – contiene inoltre la riscrittura definitiva dell’articolo sulla “detassazione dei contributi, degli indennizzi e risarcimenti per gli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012”. In esso si chiariscono in maniera definitiva aspetti che, nei mesi scorsi, erano stati oggetto di dubbi o contestazioni, sia sui soggetti beneficiari (includendo anche i titolari di partita Iva) sia sul fatto che anche gli indennizzi assicurativi non concorrono alla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte e che l’agevolazione concessa è già conforme alla normativa europea. Ancora una volta – conclude Vaccari – si dimostra che il metodo della concertazione tra i territori, la Regione e il Parlamento dà frutti concreti e continuativi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dl Lavoro, ancora norme a favore dell’area del cratere"

ModenaToday è in caricamento