Viale Trento Trieste: presidio Lega Nord davanti la filiale Mps

Anche a Modena si discute dello scandalo Montepaschi. Bellei, segretario cittadino del Carroccio: "L’eccessiva influenza della finanza sulla politicaè uno dei cancri che corrompe il mondo contemporaneo"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Tutti i politici a parole sostengono che bisogna porre un limite allo strapotere delle banche. Ma poi ben pochi fanno qualcosa di concreto. Anzi, quando si tratta di passare all’azione molti partiti si rimangiano le parole dette e si pongono al servizio di alta finanza e sistema bancario internazionale. Con il presidio di questa mattina la Lega Nord ha dimostrato che si può passare ai fatti rimanendo coerenti con le parole. L’eccessiva influenza della finanza sulla politica e sulla società è uno dei cancri che corrompe il mondo contemporaneo.

In uno Stato serio e ordinato, le banche sono al servizio dei cittadini e delle imprese, e non il contrario. Invece in Italia il potere del denaro domina su tutto e si pone al di sopra di quella stessa politica dalla quale dovrebbe essere controllato. Il caso MPS è emblematico. Una commistione insana e perversa tra politica e finanza ha portato sull’orlo del fallimento uno degli Istituti bancari più importanti del paese. E quel che è peggio il governo tecnico di Monti, espressione esso stesso del sistema finanziario, ha deciso che a pagare per gli errori dei dirigenti di MPS dovevano essere gli italiani. E quindi, tramite le tasse, ha preso ai poveri per salvare i ricchi.

La Lega Nord ha una visione assolutamente diversa del problema e delle sue soluzioni. Le banche devono tornare ad avere come compito principale quello di sostenere il credito. Devono essere il salvadanaio del paese. Le folli scorribande nel campo degli investimenti più azzardati devono essere lasciate ad Istituti che si occupino solo di quello, e che non utilizzino i risparmi dei pensionati e dei lavoratori.

MPS deve essere nazionalizzata. Così come devono essere chiarite in toto, se mai ce ne fossero, le responsabilità del Partito Democratico che, tramite i suoi uomini, ha sempre controllato l’Istituto. L’iniziativa di questa mattina ha dimostrato che, pur restando nell’ambito della legalità e della civiltà, si possono intraprendere azioni concrete per sensibilizzare i cittadini e l’opinione pubblica sulla necessità di cambiare il sistema bancario. La Lega Nord mette al primo posto gli interessi dei cittadini e del popolo; Monti e il PD mettono al primo posto gli interessi delle banche.

I più letti
Torna su
ModenaToday è in caricamento