rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Elezioni Politiche 2013

Mario Monti nella Bassa Modenese, per Fratelli d'Italia non è il benvenuto

Barcaiuolo e Aldrovandi (FdI) contro il tour del premier: “Monti aveva la responsabilità di aiutare l'Emilia terremotata, ma non ha voluto farlo. L'accoglienza della gente della bassa sarà pessima”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

Sulla visita del Presidente del Consiglio Mario Monti, candidato alle politiche in coalizione con Fini e Casini, nei Comuni della bassa modenese, prevista per oggi pomeriggio, durante la quale il Premier si recherà all'ex campo di concentramento di Fossoli, nel centro storico di Concordia, per terminare con un incontro coi cittadini al Palazzetto dello Sport di Mirandola, interviene l'intero gruppo modenese di Fratelli d'Italia, a nome di Michele Barcaiuolo e della consigliera comunale di Medolla Elisabetta Aldrovandi, entrambi candidati alla Camera: "Non ci stupisce una visita in area terremotata da parte di un candidato alle prossime elezioni, poiché è ovvio che ciascun esponente possa avere interesse a esporre le proprie soluzioni ai tantissimi problemi che stanno vivendo gli emiliani. Ci stupisce, invece, che a visitare le terre ferite dal gravissimo terremoto di maggio scorso sia quella stessa persona che, con la più fredda lucidità e fermezza, ha negato la no-tax area, ha imposto a noi Emiliani un contributo pari all'80% dei danni subiti (che, a conti fatti, corrisponde al 50%), ha negato qualsiasi riconoscimento ai danni indiretti, e ci ha obbligato, a dicembre scorso, a pagare le tasse, IMU compresa, senza sconti né dilazioni. E tutto perché noi Emiliani abbiamo la colpa di produrre e lavorare così tanto da pagare 6 miliardi di imposte all'anno”.

“Ora - proseguono i candidati - ci chiediamo quale opportunità risieda in tale visita, quale credibilità possano avere le proposte del Professore per aiutare la ripartenza dei Comuni terremotati, visti i chiari ed evidenti provvedimenti assunti contro gli Emiliani, e sui quali il Professore non si è risparmiato dal porre continuamente la fiducia al momento del voto, allo scopo di paralizzare qualsiasi intervento migliorativo da parte del Parlamento. Chissà se i residenti dei Comuni colpiti, molti dei quali ancora senza casa e senza lavoro, e tutti senza avere ricevuto un euro di risarcimento, si recheranno al Palazzetto dello Sport per applaudire l'operato del Professore, o per rendergli conto di ciò che non ha fatto per la nostra terra e la nostra gente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mario Monti nella Bassa Modenese, per Fratelli d'Italia non è il benvenuto

ModenaToday è in caricamento