Esposti ad Anac e Ministero dei Beni Culturali per Villa Sorra: "Gestione scriteriata" 

"La nuova stagione sta per cominciare a Villa Sorra ma sono ancora tanti sono i problemi", spiegano le liste civiche dei comuni che compartecipano alla gestione del parco e della villa, che chiedono di annullare il bando per la stagione 2019

"L’ultimo atto della battaglia che abbiamo portato avanti per tutelare il complesso di Villa Sorra da una gestione scriteriata da parte dei comuni proprietari è un’istanza di sospensione in autotutela del bando di gara per l’assegnazione delle attività culturali e degli eventi per la stagione 2019 e 2020. L’istanza è stata inviata anche all’ANAC e all’assessore al commercio e turismo della regione Emilia Romagna". Lo rendono noto i capigruppo delle tre liste civiche dei comuni che compartecipano alla gestione e che da tempo stanno conducendo una battagli aper lavorizzare la villa e il suo parco. Si tratta dei gruppi Lista Civica Nuovo San Cesario, Lista Civica Frazioni e Castelfranco, Nonantola Lista civica con Ferri.

"Il bando di gara,  vinto dall’associazione Cosenza Autentica, non è regolare - spiegano i consiglieri - Manca infatti l’indicazione di un requisito fondamentale per gli operatori che intendono guidare i visitatori all’interno della Villa e del Giardino Storico: il possesso del patentino di Guida turistica. Tale patentino, che a nostro avviso, dovrebbe essere specificamente richiesto in base a quanto previsto dalla normativa della Regione Emilia Romagna, non è citato nel bando ed è una grave mancanza che invalida il bando stesso".

Le liste civiche rinnovano quindi la richiesta al Comune di Castelfranco di annullare il bando e non firmare il contratto con l’associazione aggiudicataria, per altro fonte di critiche da più parti politiche. "Per questa stagione il Comune potrebbe assegnare, qualora questa risulti ancora interessata, direttamente all’associazione XVS la gestione degli eventi culturali, così come avviene da oltre 10 anni.  Poi, per la prossima stagione, si lavorerà per un bando fatto meglio. Da rilevare inoltre che alla stessa associazione XVS  il dirigente del settore tecnico del Comune di Castelfranco ha negato l’accesso agli atti che hanno portato alla scelta dell’affidatario, nonostante, per ragioni di trasparenza, questo fosse un diritto", sostengono i firmatari dell'esposto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra "ribelle" GimFIVE di Modena Est riapre oggi. Arriva la polizia

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

Torna su
ModenaToday è in caricamento