menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appalti e affidamenti sotto inchiesta, il sindaco di Finale fa chiarezza

Fernando Ferioli illustra in prima persona le situazioni amministrative contestate dalla Procura, che riguardano per lo più la gestione di strutture da parte di associazioni, e spiega: “Non siamo né truffatori, né ladri, né corrotti, perché gli atti che abbiamo compiuto hanno seguito un iter assolutamente giustificato”

All'indomani della perquisizione e dei sequestri effettuati dai Carabinieri negli uffici comunali di Finale Emilia – per un'inchiesta pef falso e abuso d'ufficio che vede indagati sindaco, assessori e dirigenti amministrativi – il primo cittadino Fernando Ferioli cerca di fare chiarezza, spiegando in prima persona quanto è stato richiesto e contestato dall'Arma e dai magistrati.

La vicenda riguarda principalmente alcune associazioni di volontariato per situazioni che nel corso del tempo – a detta di Ferioli - sono state regolarizzate. “Nelle notizie di stampa si fa riferimento a delibere che sarebbero state falsificate. Termine molto sbagliato, perché sugli atti che riguardano la Bocciofila e la Sala Meridiana di Massa Finalese esistono semmai dei vizi di forma spiegabilissimi, come è avvenuto il 1 settembre 2015 quando viene presentata e approvata in giunta una bozza di affidamento della Bocciofila/Sala Meridiana con una nuova convenzione. La convenzione è sempre stata quella e rimane invariata ma non ha alcun seguito, perché analizzando con il nostro avvocato le nuove normative su affidamenti, abbiamo preferito usare lo strumento del bando di gara, dividendolo in tre, uno per la bocciofila, uno per il bar e uno per la sala Meridiana. Bandi che sono stati aggiudicati proprio nelle settimane scorse”. 

Un'altra delibera sarebbe entrata nel mirino degli inquirenti per un errore di presenza che è stato rettificato il giorno dopo. Nel senso che era stata registrata la presenza di un assessore invece di un altro. Nella correzione si era provveduto a segnare l'assessore come assente, mentre nell'originale figurava presente. “Nessuna falsificazione dell’atto, che rimane ed è sempre lo stesso”, sostiene Ferioli.

Un'altra associazione di volontariato coinvolta è il COAC (Circolo Otesia Attività Cinofile) che fino a pochi mesi fa faceva parte della nostra Protezione Civile. “Stavamo predisponendo i documenti per la nuova convenzione perché con la Regione, già dallo scorso anno, si stava lavorando all'accordo per la gestione dei campi macerie di cui il COAC si occupa. Ricordo anche che il COAC paga le utenze, a parte la luce, i cui costi vengono compensati con quanto spetterebbe all'associazione per la manutenzione del campo macerie. Anche qui volontari e ad anche qui atti in via di totale definizione”.

Sempre per quanto riguarda le associazioni, nelle carte dell'inchiesta è finito il Quartiere Ovest che ha una regolare convenzione firmata e il bar dell'associazione - così come quello della Bocciofila di Massa - è stato affidato da lungo tempo con SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività), rilasciata dagli uffici comunali competenti. E le utenze sono tutte a carico della stessa associazione, formata da volontari e cittadini impegnati nel sociale. Per quanto concerne infine la questione appalti, si tratta esclusivamente dell'affidamento dell'organizzazione degli spazi espositivi della Fiera dopo la 'manifestazione di interesse' per un importo a base d’asta di 1.000 euro. Ferioli è sicuro: “Dimostreremo che non c'è stata nessuna turbativa e tutte le procedure seguite sono state quelle previste dagli uffici competenti”.

“Le indagini che ci daranno la possibilità di spiegare esattamente come si sono svolti i fatti. Voglio rimarcare che come abbiamo dimostrato che non eravamo né 'ndranghedisti né mafiosi, così dimostreremo che non siamo né truffatori, né ladri, né corrotti, perché gli atti che abbiamo compiuto hanno seguito un iter assolutamente giustificato – chiosa il sindaco finalese - Mantenendo piena fiducia nell'operato degli organi inquirenti resto a loro completa disposizione, sapendo di aver operato sempre per il bene della nostra comunità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Contagi, 98 casi nel modenese. Sei ricoveri e due decessi

Attualità

Contagio, 113 casi in provincia. Tre decessi e tre ricoveri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento