Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica

"Stop trivellazioni, delibera fasulla da parte della Regione"

La denuncia del capogruppo M5s in Regione, Andrea Defranceschi: "Non è fra i poteri di ordinanza né del Commissario Straordinario né tantomeno della giunta proibire alcunché: per legge, su tematiche di questo tipo, solo il Governo può intervenire"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ModenaToday

La delibera del 3 giugno scorso con cui la Regione dichiara di sospendere le ricerche finalizzate alle trivellazioni, è fasulla. Ho fatto le mie ricerche e mi sono accorto che non è fra i poteri di ordinanza né del Commissario Straordinario né tantomeno della giunta proibire alcunché. Per legge, su tematiche di questo tipo solo il Governo può intervenire adottando eventualmente provvedimenti di urgenza. Dunque di che parliamo? Propaganda spot finalizzata a tranquillizzare la popolazione o a permettere che alcune ricerche possano continuare indisturbate?

Mi riesce difficile credere alla sincera intenzione di fermare le trivellazioni, dato un particolare precedente: la bocciatura del mio emendamento Stop Trivelle nel luglio 2011 (in sede di approvazione in aula del Piano Energetico dell'Emilia Romagna) appositamente presentato per stoppare di fatto le trivellazioni per fini estrattivi, petroliferi e non solo, in Emilia Romagna. O la Regione sta diventando “grillina” (cosa che mi augurerei, ma non credo), dato che più volte ci hanno accusati di fare comunicazione spot priva di reale efficacia; oppure sono inesperti, e non sanno che la delibera da noi citata e da loro sbandierata non ha alcun potere attuativo. Ora, dato che escluderei entrambe le possibilità, vorrei che la si smettesse di prenderci in giro. Su un tema così delicato, fra l’altro, è del tutto irresponsabile.

Perché questo provvedimento illegittimo, ci espone non solo a un conflitto di attribuzione facilmente impugnabile dal governo dinanzi alla Corte costituzionale, ma anche a ricorsi da parte delle aziende che hanno presentato istanze, e avranno così gioco facile a chiedere risarcimenti di eventuali danni alla Regione. Mi rivolgo specialmente all'assessore regionale Muzzarelli che ha presentato la delibera alla stampa come “un atto di responsabilità verso il territorio e le popolazioni, coerente con le decisioni già assunte in passato”. Ebbene: a quali decisioni si riferisce, dato che il suo assessorato ha rilasciato dal 2010 a oggi una quarantina di pareri positivi di Valutazione d’Impatto Ambientale a domande di ricerca, esplorazione e perforazione? Nella mia interrogazione appena depositata chiedo che la giunta Errani faccia le cose sul serio, riconoscendo l’illegittimità dell’atto e chiedendo al Governo un provvedimento ad hoc che blocchi realmente ogni istanza di ricerca, esplorazione e perforazione, in particolare nelle aree terremotate. Sulla carta, e non solo a parole

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stop trivellazioni, delibera fasulla da parte della Regione"

ModenaToday è in caricamento