rotate-mobile
Politica

Cattura di Messina Denaro, una delegazione di Fratelli d'Italia omaggia l'Arma

Il Comandante provinciale Caterino ha ricevuto i rappresentanti locali del partito che hanno ringraziato i carabinieri per l'operazione che ha portato alla cattura del super-latitante

Ieri una delegazione di Fratelli d’Italia si è recata presso il Comando dei Carabinieri della Provincia di Modena per ringraziare i militari della cattura di Messina Denaro e "della costante e del quotidiano lavoro a tutela di tutti gli italiani". Il gesto non è isolato: i coordinamenti provinciali di Fratelli d’Italia hanno infatti portato i loro saluti e ringraziamenti alle forze dell’ordine su tutto il territorio nazionale.

Erano presenti il senatore Michele Barcaiuolo, il presidente provinciale Ferdinando Pulitanò, il presidente cittadino Luca Negrini ed il presidente dei giovani Lorenzo Rizzo che hanno consegnato una targhetta di ringraziamento al Colonnello Antonio Caterino, Comandante Provinciale di Modena.

““Era doveroso venire a ringraziare i Carabinieri per la cattura di Messina Denaro e per il lavoro che quotidianamente svolgono.  In questi giorni, in tutta Italia, Fratelli d’Italia sta portando il proprio saluto ed il proprio ringraziamento alle forze dell’ordine, cominciando da Roma, dove i nostri parlamentari, tra cui il nostro senatore Michele Barcaiuolo e la nostra deputata Daniela Dondi, si sono recati al Comando di San Lorenzo in Lucina.  Queste manifestazioni sono l’atto pratico di un pensiero che da sempre attraversa il nostro partito: ringraziare chi con dedizione, attaccamento alla divisa e amore per la Patria svolge un lavoro quotidiano spesso silente e invisibile. Siamo da sempre al fianco delle forze armate e crediamo che sia di fondamentale importanza sviluppare un dialogo costante nell’interesse della sicurezza dei cittadini", hanno spiegato i membri della delegazione di FdI.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cattura di Messina Denaro, una delegazione di Fratelli d'Italia omaggia l'Arma

ModenaToday è in caricamento