menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fratelli d'Italia protesta nella galleria del RNord per chiedere uno stop all'immigrazione clandestina

I meloniani hanno manifestato contro i documenti im esame alla Camera che modificheranno le attuali norme su immigrazione e sicurezza

Questa mattina Fratelli d’Italia Modena ha organizzato un presidio presso il complesso RNord per dire no al "decreto insicurezza" e all’immigrazione clandestina. Alcuni militanti si sono ritrovati con striscione e bandiere, all'interno della galleria che attraversa il palazzo

“Qualche settimana fa, presentammo la Mappa del Degrado di Modena, evidenziando come intere zone della città fossero (e siano tutt’ora) in mano alla delinquenza ed al degrado. In quella stessa occasione, facemmo anche alcune proposte alla Giunta ed al Sindaco al quale, per esempio, chiedemmo di onorare il patto per Modena città sicura firmato con l’allora Ministro PD, Minniti”. A parlare è Michele Barcaiuolo, Consigliere Regionale modenese e Coordinatore Regionale di Fratelli d’Italia.

“Muzzarelli invece ha fatto finta di non sentire le proposte e non sapendo come replicare sul punto è stato costretto a sminuire il nostro lavoro con una battuta, dicendo che la mappa sarebbe offensiva per i modenesi che in quelle zone ci abitano. Noi, al contrario, crediamo che l’unico motivo per cui i modenesi debbano sentirsi offesi sia come vengano trattati da ormai troppi anni da questa Amministrazione”, aggiunge Barcaiuolo.

“Quanto sta avvenendo a Roma nel silenzio più assordante delle Istituzioni, è molto grave - commenta Ferdinando Pulitanò, Presidente Provinciale del partito di Giorgia Meloni - Il Decreto Insicurezza non solo faciliterà l’ingresso di immigrati in Italia ma è anche una vera e propria presa per i fondelli agli Italiani. E’ stato approvato infatti un emendamento del Pd per impedire, di fatto, l'espulsione e il respingimento di un immigrato verso uno Stato nel quale si può essere oggetto di persecuzione per motivi di orientamento sessuale e identità di genere”. “Una circostanza” conclude Pulitanò “ovviamente non verificabile che spalanca le porte dell’Italia banalmente a chiunque”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento